15122017Headline:

“I Comuni concertino i bilanci con noi”

I segretari di Uil, Cgil e Cisl

I segretari di Uil, Cgil e Cisl

La disoccupazione è al 13%, quella femminile al 15,7%. I giovani senza lavoro sono il 47%. E ancora: nel 2010, secondo l’Istat un viterbese guadagnava in media 27.100 euro, nel 2012 non ha raggiunto i 20mila. I pensionati peggio che mai: su 86mila assegni erogati dall’Inps, 57mila sono inferiori ai 512 euro mensili. Da qui a fine anno ci saranno altri 2mila disoccupati perché la cassa integrazione in deroga terminerà e non ci sono risorse per rifinanziarla. Eccolo lo stato di salute del Viterbese, tratteggiato ieri da Cgil, Cisl e Uil (confederali e categorie dei pensionati). Che per venire incontro alle fasce più deboli chiedono ai Comuni di rimboccarsi le maniche e seguire quattro, semplici direttive: lotta all’evasione fiscale e tagli alle consulenze esterne, tasse comunali applicate in base al reddito, affitti con contratto agevolato per i più poveri, infine integrazione tra servizi sociali e sanitari.

CONCERTAZIONE

I quattro pilastri su cui poggia la cosiddetta contrattazione sociale verranno proposti ai Comuni del Viterbese prima di novembre, quando i sindaci dovranno chiudere i bilanci. Si partirà il 21 ottobre da Viterbo: per quella data il primo cittadino Leonardo Michelini ha convocato i sindacati per illustrare loro le linee programmatiche. Poi, si passerà agli altri centri maggiori: Tarquinia, Montefiascone, Civita Castellana, Vetralla. E a cascata si concluderà coi paesi più piccoli. Il ragionamento è semplice: i soldi che la Regione destina ai Comuni e quelli che gli stessi recupereranno dall’evasione vengano dirottati su specifici interventi per alleviare i contraccolpi della crisi sulle fasce più deboli.

CONFEDERALI

“Di fronte all’impoverimento della popolazione – ha detto il segretario della Cgil, Miranda Perinelli – gli enti locali, i più vicini al cittadino, devono incidere sul sociale con iniziative mirate”. Le quattro mosse suggerite, tanto per cominciare. “Prendiamo l’addizionale comunale. La tariffa – ha proposto Fortunato Mannino per la Cisl – sia commisurata ai livelli di reddito”. Dalla Uil, il segretario Giancarlo Turchetti, ha aggiunto: “Le risorse sono poche. Queste almeno vengano usate nel modo giusto, concertando le iniziative con le parti sociali”.

CATEGORIE

Si è concentrato sulla sanità il segretario della Uil Pensionati, Franco Palumbo: “Tagliare i piccoli ospedali per concentrare tutto su pochi poli significa penalizzare chi ha problemi per spostarsi, come gli anziani”. Dalla Cisl Angelo Capone ha aggiunto: “I Comuni spendono il 50% delle risorse pubbliche e devono imparare la cultura della partecipazione”. Infine, Giovambattista Martinelli (Cgil) ha concluso: “Col blocco dell’indicizzazione le uniche patrimoniali le hanno applicare ai pensionati, oltre che agli statali. Ormai molti sono sotto la soglia della fame”.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

22   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Se c’è qualcosa peggiore del politichese, è proprio il sindacalese. Due esiziali linguaggi che hanno allontanato il popolo dalla politica e dal sindacalismo.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da