19102017Headline:

I parchi dell’amore: proposta attuale

sesso antichitàSi vede che alcune proposte strane, hanno una gittata lunga, fanno il giro del mondo e pian piano ritornano. Scrive l’amico Carlo Migani: “Quello che chiamano il mestiere più antico del mondo dovrebbe essere tassato? Dovrebbe avere una regolamentazione? Degrada l’immagine della donna? E’ lecito per un cristiano accedere a certi servizi?”

E per certe cose Google torna utile, mi ha consentito di tirar fuori un vecchio comunicato del 1994: Roma, 26 apr. (Adnkronos) – ”Regolamentiamo i rapporti sessuali liberi, apriamo i ‘parchi dell’amore”’. Dopo la recente scoperta, da parte dei carabinieri di Nepi, di una ”villa del piacere” in cui si sono svolti festini a luci rosse, gli ambientalisti del Punto Verde di Calcata tornano alla carica e ripropongono un loro vecchio cavallo di battaglia: creare i ”parchi dell’amore”.

‘In realtà, se andiamo ad esaminare i costumi del passato, scopriamo che anche nelle ville degli antichi romani, di cui si riporta una presenza numerosa nell’Agro Falisco, certe pratiche erano del tutto lecite. Anzi, alle orge partecipavano anche i potenti e gli amministratori del luogo’. Anche se fosse evidente che nella Villa di Nepi la prostituzione sia stata esercitata, trattandosi di uno scambio di piaceri legittimi fra persone consenzienti non vi sarebbe nulla di male’.

La proposta è quella di creare alcuni ”parchi dell’amore” in cui le cooperative, appositamente costituite e aventi per scopo prestazioni sessuali gratuite o a pagamento, possano lavorare ‘tranquillamente’ all’interno di grotte o capanne, anche per ricreare quell’atmosfera naturale e spontanea legata alle antiche tradizioni iniziatiche degli Etruschi e dei Falisci.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da