21102017Headline:

La Cgil: “Ecco la nostra sanità”

Ambulatorio-immigratiSanità, tema caldo in generale e caldissimo in questo momento particolare. Già, perché il nuovo atto aziendale della Asl è sospeso – come tutti quelli del Lazio – e dunque c’è tutto il tempo per parlarne, valutarlo, ragionarci un po’ su. Dopo l’assemblea dei sindaci della scorsa settimana, che ha votato un documento in proposito, ecco che oggi tocca alla Cgil provinciale (Funzione pubblica e Sindacato pensionati italiani) affrontare la questione. Ancora con un’assemblea, prevista per le ore 15 alla Camera di commercio, e dal titolo “Un modello di sanità che tuteli il diritto alla salute”.

“Si tratta di un incontro per discutere come tutelare la salute dei cittadini, in seguito al taglio dei posti letto, dei beni e dei servizi sul territorio, la carenza di personale, l’esposizione debitoria regionale – spiega il segretario provinciale della Cgil Miranda Perinelli – Problemi che ci troviamo ad affrontare in questo frangente, in una condizione particolare, visto che la sospensione del nuovo atto aziendale allungherà giocoforza i tempi e favorirà il dibattito. Sappiamo benissimo qual è la realtà: pochi soldi, e dunque pochi sogni. Però qualche richiesta sensata da fare ce l’abbiamo”. Richieste che potranno essere girate allo stesso commissario straordinario della Ausl di Viterbo, Luigi Macchitella, che parteciperà all’incontro insieme alla consigliera regionale – e componente della commissione sanità – Teresa Petrangolini, al segretario generale Cgil Lazio Claudio Di Berardino, e ai segretari regionali di Cgil Funzione pubblica e Sindacato pensionati italiani.

“La presenza del direttore generale, del segretario regionale della Cgil e della consigliera Petrangolini – spiega ancora la Perinelli – consentiranno anche di confrontarsi direttamente col vertice regionale, nella speranza che possano contribuire ad apportare delle modfiche, per quanto piccole, laddove servano per migliorare l’atto aziendale. Credo che in questo senso un aspetto speciale sarà quello della integrazione sociosanitaria sul territorio, un sistema che diventa fondamentale con il ridimensionamento degli ospedali sul territorio. Così come l’informatizzazione dei distretti sanitari, che può contribuire ad aumentarne la funzionalità e il ruolo di punto d’incontro tra domanda e offerta”. Oggi se ne parla, e l’impressione è che se ne parlerà a lungo anche nelle prossime settimane.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

18   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Originali ‘sti sindacalisti!

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da