17122017Headline:

Obiettivo: prevenire i danni all’agricoltura

L'assessore Staccini

L’assessore Staccini

Il consiglio provinciale ha approvato all’unanimità il protocollo d’intesa per la gestione coordinata delle problematiche inerenti la fauna selvatica nelle aree naturali e protette della provincia di Viterbo.

“Attraverso questo protocollo che sarà sottoscritto dalla Provincia con i soggetti gestori delle riserve e delle aree protette della Tuscia – spiega l’assessore all’agricoltura Roberto Staccini – intendiamo favorire una gestione integrata, razionale e sostenibile, della fauna selvatica sull’intero territorio con particolare riferimento alla specie cinghiale. La Provincia e le aree naturali protette svolgeranno un’azione sinergica per monitorare e tenere costantemente sotto controllo il proliferare della fauna, concertando insieme le azioni necessarie a prevenire i danni da questa prodotti, nel pieno rispetto della normativa vigente e dell’equilibrio ambientale. Il protocollo è stato sottoposto al vaglio dei gestori dei parchi, delle riserve e dei monumenti naturali della Tuscia, ed ovviamente è stato ampiamente discusso nella commissione consiliare competente presieduta dal consigliere Bruno Capitoni. Il voto unanime del consiglio provinciale è la dimostrazione di un percorso ampiamente condiviso”.

Il protocollo sarà sottoscritto dalla Provincia con le seguenti realtà territoriali: Riserva naturale regionale Parco di Bomarzo; riserva naturale regionale Monte Rufeno; riserva naturale regionale Selva del Lamone; parco naturale regionale Marturanum; parco naturale regionale Bracciano-Martignano; parco naturale regionale Lago di Vico; parco naturale regionale Valle del Treja; riserva naturale regionale Tuscania; riserva naturale statale Saline di Tarquinia; parco naturale provinciale Arcionello; monumento naturale Bosco del Sasseto; monumento naturale Corviano; monumento naturale Pian Sant’Angelo; monumento naturale Forre di Corchiano.

Il protocollo prevede la predisposizione di un programma quinquennale coordinato tra la Provincia e gli enti coinvolti, avente come obiettivo il contenimento degli impatti negativi che alcune specie di fauna selvatica hanno nei confronti delle coltivazioni agricole e dell’economia rurale oltre che sulla sicurezza pubblica, sull’igiene e sulle biocenosi. Il programma quinquennale definirà metodologie condivise e reperirà risorse comuni per avviare adeguate azioni di monitoraggio della fauna selvatica e di prevenzione dei danni alle colture agricole.

“Attraverso questa fattiva collaborazione – conclude Staccini – contiamo di favorire il raggiungimento sul territorio del necessario equilibrio ambientale fra la salvaguardia del patrimonio faunistico e la tutela delle produzioni agricole. Inoltre, attraverso efficaci azioni di prevenzione, puntiamo a ridurre al massimo i danni prodotti dalla fauna selvatica in agricoltura, danni che hanno comportato fino ad oggi consistenti esborsi economici da parte degli enti locali per far fronte ai  risarcimenti”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da