18122017Headline:

Quell’inutile Provincia difesa da Meroi

merloVero è che il presidente della Provincia Marcello Meroi sta difendendo con le unghie e con i denti l’ente che lui presiede e che il governo intende cancellare.

Vero è che l’altro giorno, partecipando a un convegno organizzato dal Consiglio delle autonomie locali, ha detto testualmente che “iI cittadini devono capire che le Province sono soggetti erogatori di servizi essenziali e che il passaggio di queste competenze ai Comuni comporterebbe un sensibile aumento costi. Per fare un esempio, da uno studio fatto dall’Upi sulla spesa delle Province per il riscaldamento degli istituti scolastici e degli edifici pubblici è emerso che il trasferimento di queste incombenze porterebbe un incremento della spesa almeno del 5%”.

Vero è che Meroi, nel suo accorato intervento, ha usato la clava piuttosto che il fioretto, affermando tra l’altro: “Trovo sia un paradosso, un’incongruenza vera che un ministro che ha rappresentato per anni l’Anci ora chieda l’abolizione delle Province, visto che fino a poco fa affermava esattamente il contrario. Ora si pensa a cancellare le Province, ad ammazzare i Comuni e a devastare territori, ma la verità è che senza gli enti locali le emergenze che hanno colpito le nostre comunità non avrebbero mai avuto una risposta. La Regione Lazio ha finalmente firmato la delega individuando nella Provincia il soggetto attuatore, ma i fondi sono solo un quarto di quelli previsti. In questa penuria di risorse è quindi necessario non farci la guerra tra di noi”.

Vero è che la conclusione del suo ragionamento è stata conseguente e decisa a non mollare: “Anche alla luce dei rapporti che si dovranno venire a creare con Roma, nella sua duplice accezione di Capitale e Città Metropolitana, credo sia quanto mai opportuno che il Cal richieda alla Regione una sua chiara ed inequivocabile pronuncia sull’incostituzionalità delle norme che riducono la funzionalità degli enti locali. Qui non si tratta di difendere posizioni qui, ma di dire con serietà, senza fare terrorismo, quale è la verità e quali saranno gli scenari a cui vanno incontri i territori, coinvolgendo nella discussione anche elementi fondanti della società civile: associazioni, forze produttive e organizzazioni sindacali”.

Vero tutto ciò, una sola umile domanda sorge spontanea: ma a cosa serve l’ente di palazzo Gentili, visto che da mesi c’è una crisi latente, che si litiga per le poltrone e che non si riesce neppure a eleggere il presidente del consiglio provinciale?

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

328   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Il Sor Meroi pro poltroncina sua. Tanto lo stipendiuccio glielo paghiamo tutti noi.

  2. cioccio scrive:

    chiedo al moderatore perchè non è stato inserito il mio precdente post? Grazie

  3. Rodolfo Bava scrive:

    Saremo noi cittadini a soffrire per l’eliminazione di molti servizi. Saranno gli impiegati a subire enormi disagi venendo ad essere sballottati a destra ed a sinistra.Gli impiegati “scansa – fatica” si trovano in tutti gli uffici pubblici. In maggior numero nell’ambito delle Regioni e del Governo.

  4. Giorgio Molino scrive:

    Con la bava della disinformazione alla bocca si diventa di c(i)occio. E viceversa.

  5. Giorgio Molino scrive:

    E’ tipico dei tuttologi da bar dello Sport non possedere alcun senso dell’umorismo e ammantarsi di competenze e qualifiche che spesso non hanno. Comunque ne prendiamo atto, abbiamo tra di noi un esperto di pubblica amministrazione che presto sarà chiamato da Letta per risolvere l’annosa questione delle province. Buona fortuna, e non sia così di c(i)occio.

  6. cioccio scrive:

    A Giorgino, serve un parere esperto sulla riforma della giustizia. Stanno apsettando il tuo post perchè immagino hai una chiara proposta anche su quella (tipo licenziamo metà magistati tanto non servono a niente). Sulla scuola che dice? Aspetta che indivono – licenziamo i prof perchè lavorano solo 18 ore a sett.? Mitico, profono e competente. Caro Giorgino le cose che dico sono di dominio comune tra gli addetti e on serve un ingegno particlare, solo un fessacchiotto potrà pensare che eliminando le province si salva l’Italia.

    Ciao ciao

  7. Giorgio Molino scrive:

    Da come scrive (apsettando, magistati, indivono, perchè, profono, particlare), caro c(i)occio, forse ha bisogno di un corso accelerato di grammatica. Anche i tuttologi cadono sull’uccello. Cordiali saluti nella nostra lingua madre.

  8. cioccio scrive:

    il mio post precdente moderatore?

  9. Francesco Scialacqua scrive:

    Signor Cioccio, se lei si registra al sistema di commenti con una mail inesistente, non potendo quindi completare il processo di registrazione, andrà sempre in coda di moderazione. La invitiamo quindi a regolarizzare la sua registrazione ed evitare continui messaggi di sollecito per i suoi post.

  10. Francesco Scialacqua scrive:

    Idem come sotto. Signor Cioccio, se lei si registra al sistema di commenti con una mail inesistente, non potendo quindi completare il processo di registrazione, andrà sempre in coda di moderazione. La invitiamo quindi a regolarizzare la sua registrazione ed evitare continui messaggi di sollecito per i suoi post.

  11. cioccio scrive:

    mi scuso con il moderatore. Eè stato un refuso.

  12. Giorgio Molino scrive:

    Io speriamo che te la cavi, caro c(i)occio.

  13. Giorgio Molino scrive:

    Se il signor c(i)occio non inserisce la sua vera e-mail un motivo senz’altro ci sarà. Magari invia i suoi polemici e sgrammaticati pensierini da qualche ufficio pubblico durante l’orario di lavoro…

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da