17122017Headline:

Anche gli alberi hanno un’anima

albero amicoFra le proposte fatte dal Circolo vegetariano andate a buon fine ci fu quella di dichiarare “monumenti naturali” gli alberi centenari che ancora crescono  nella nostra penisola. Questa proposta, avanzata verso la fine degli anni ’80 del secolo scorso, fu poi ripresa dai Verdi e tramutata in Legge. La comunione con gli alberi per noi ecologisti è sempre stata una necessità inderogabile. Proprio il giorno di San Martino, ho fatto un sogno sulla sofferenza degli alberi, che sono a tutti gli effetti esseri viventi, bistrattati, sfruttati  e mal considerati dall’uomo. Anche gli alberi soffrono, come gli animali, e come noi umani,  a causa del sistema finanziario consumista che cancella ogni comunione con la natura e trasforma l’uomo in un demone divoratore.
L’albero, col quale l’uomo in passato viveva in grande simbiosi, è stato preso a simbolo religioso dell’origine dell’universo. Gli uomini della pietra forse si dovrebbero chiamare gli uomini degli alberi o del legno. Infatti tutte le costruzioni dell’antichità erano in legno, ma  i legni lavorati antichi sono scomparsi nel tempo e sono rimaste solo le pietre a testimoniare un percorso.
Col legno gli uomini costruivano capanne, dimore per adorare gli dei, palizzate per la loro difesa; l’albero era anche il “Padre del fuoco” e attraverso l’esempio dei fulmini, l’autocombustione e i vulcani impararono ad accendere essi stessi il fuoco col quale potevano cucinare, riscaldarsi, vedere nel buio della notte e difendersi dagli animali feroci.  Inoltre gli alberi regalavano, ed ancora lo fanno,  agli umani diversi frutti, quelli freschi da mangiare a maturazione o da seccare e quelli indeiscenti nella loro buccia dura come le noci e le nocchie che essendo a lunga conservazione venivano consumate soprattutto durante l’inverno e che macinati producevano una farina e così  anche il primo pane.
Gli alberi hanno un’anima. E’ stato dimostrato che una qualunque cellula è autonoma e possiede un sistema che ne regola l’equilibrio e la difesa, in potenza un principio di vita psichica. Esperimenti hanno dimostrato che le piante reagiscono a certi input e che possono sentire benessere, paura, dolore e inoltre che sono capaci di memorizzare.
In verità  tutto ha un’anima, basta toccare, vedere anche una pietra, ma un albero, soprattutto quando è grande e maestoso irradia qualcosa di magico.  Purtroppo a causa dello sfruttamento dei legni, per ragioni consumiste le foreste sono in continua diminuzione
Perciò anche noi celebriamo la giornata di domani, dedicata agli alberi, e lo faremo nel modo più semplice e modesto, cercando il loro contatto e percependo le loro vibrazioni. Una sorta di meditazione concreta. Ne approfitteremo per accarezzare le piante di olivo, sacre anche nella tradizione cristiana, pregando Dio di ispirare nell’uomo un maggior rispetto per la natura.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da