20092017Headline:

“Diabetologia? L’eccellenza siamo noi”

Lina Delle Monache

Lina Delle Monache

Per favore dite a Silvio che la sua a confronto è una truppa scalcinata. L’unico vero esercito del quale si può parlar bene è quello del Centro diabetologia di Viterbo. Partito nel 2008 tra mille difficoltà, attualmente risulta essere il fiore all’occhiello della sanità locale. Quasi seimila gli assistiti (suddivisi tra adulti, bambini e ragazzi), un fiume di volontari pronti a sostenere la causa, ed un numero imprecisato di professionisti sempre attivi.

“A Viterbo c’è il meglio del mondo in quanto a terapie – conferma Lina Delle Monache. Ideatrice, insieme ad altri, del blocco sito all’interno della Asl (Cittadella della salute) – Non un luogo di passaggio per malati, bensì un nucleo che accudisce e segue il paziente. Lo aiuta a prendersi cura di se stesso, a capirsi. Gli permette di affrontare col sorriso una vita piena di insidie. Senza rinunciare a nulla”.

Un autentico punto di ascolto pertanto. Che oggi apre le porte per la giornata mondiale del diabete (dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18), offrendo consulenze e controlli da parte dell’intero staff tecnico. Una squadra che non si ferma alla semplice diagnosi e alla conseguente cura. Bensì pianifica un percorso completo. “Diabetologi, psicologa, infermieri, dottori, cardiologo, nefrologo, oculista, dietista, endocrinologo, e mi scuso se dimentico qualcuno, siamo veramente tanti – prosegue la coordinatrice regionale – Tutte professionalità strutturate scelte all’interno della Asl che operano in rete. Supportate dai volontari dall’Agd (Associazione giovani diabetici), parte integrante del pacchetto che dona preziosa esperienza e sensibilità incredibile”.

E i risultati in pochi anni sono straordinari. “Basti pensare al servizio che si dà durante la gravidanza – aggiunge – con ginecologo e ostetrica a sostegno. O ai flussi passivi che abbiamo recuperato. Tutte le persone quindi che andavano fuori provincia e ora passano da noi risparmiando fatiche e chilometri. O, ancora, alle microinfusioni. Vere eccellenze”.

Oltre ai membri dell’Agd, protagonisti indiscussi, a chi vanno i meriti di un successo così ampio? “Non me ne voglia nessuno ma in cima metterei la dottoressa Claudia Arnaldi – parla ancora Lina Delle Monache – Il mio sogno, e non solo il mio, è quello di averla con noi a tempo pieno. Ma non dimentichiamo il coordinatore Massimo Palumbo. I direttori generale, sanitario e amministrativo Macchitella, Tierchini e Donetti. Nonché il nostro presidente, Bruno Vincenti. E pure qui dovrò chiedere scusa a qualcuno perché di grazie ne dovrei tirar fuori un’infinità”.

Una vera famiglia quindi. Un esercito di oltre seimila persone che combatte per la stessa causa. E che oggi, ancora una volta, scende sul campo di battaglia per affrontare l’ennesima sfida.

In bocca al lupo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da