16122017Headline:

Natale a tutto gas per i prodotti made in Tuscia

Il bus del Cotral

Il bus del Cotral

Basta soltanto immaginare la scena. Bloccati nel traffico sul Raccordo, o sulla Flaminia, il solito groviglio di lamiere davanti a Saxa Rubra. Per passare il tempo si dà uno sguardo ai compagni di sventure: alle altre auto, ai bus. E qui, meraviglia, ecco il torpedone del Cotral – alto e grosso, lucido, che mette addosso un po’ di tristezza e un po’ di soggezione – che spara sulle fiancate un messaggio inequivocabile. “Consuma e acquista i prodotti viterbesi”. Chiaro, no? Prodotti naturali, economici, sicuri e buoni. E così ecco che anche un ingorgo maledetto può fare bene a questa terra – alla gente che ci lavora e ci campa – e anche alla sua immagine.
Ne vedremo, di questi pullman griffati Tuscia, da qui al 5 gennaio, in un periodo molto sensibile ai consumi alimentari (ed enologici) perché c’è il Natale di mezzo. Ne vedranno, soprattutto “le centinaia di migliaia di passeggeri, pendolari, studenti, che trasportiamo tutti i giorni da e verso Roma, da tutta la regione”, come sottolinea con un pizzico di orgoglio il presidente del Cotral Domenico De Vincenzi. Il progetto è frutto dell’accordo tra la Coldiretti di Viterbo e la stessa Cotral, il Comune della città capoluogo e la Regione Lazio, oltre alla fondazione Campagna Amica. E’ stato presentato ieri a palazzo dei Priori, con uno dei bus già agghindato e parcheggiato in piazza del Plebiscito (alla faccia dei divieti: stavolta sono cause di forza maggiore), i banchi dei prodotti Coldiretti sotti i portici del palazzo, e le bandiere gialloverdi della Coldiretti che garrivano nella bonaccia della sala consigliare.

Coldiretti: il presidente Pacifici e il direttore Renna

Coldiretti: il presidente Pacifici e il direttore Renna

A moderare questa presentazione, il direttore provinciale Coldiretti Andrea Renna: “Ci lavoriamo da agosto, e l’intenzione è quella di lanciare un appello: per Natale comprate e utilizzate prodotti del nostro territorio. E magari non solo per Natale”. Ribadisce il concetto il presidente provinciale Mauro Pacifici: “Con la crisi, è facile dire cosa non funziona, ma è difficile trovare le soluzioni, Noi ci proviamo, scendiamo in campo con diverse iniziative: dal mercatino settimanale che già occupa il piazzale della nostra sede, sulla Teverina, alla fondazione Campagna amica, che promuove e organizza aperture di botteghe per la vendita diretta dei prodotti. Accorciare la filiera vuol dire innanzitutto garantire dei benefici al consumatore: benefici come risparmio e qualità, con prodotti a chilometri zero, una buona promozione e magari una base da esportare nelle altre province del Lazio e anche fuori regione”.
Coloro che dovanno trasportare – in senso letterale – il senso di questa iniziativa sulle strade di Roma e oltre, sono quelli del Cotral, “l’azienda pubblica più importante del Lazio”, come precisa il presidente De Vincenzi. Che aggiunge: “Chi svolge un ruolo pubblico ha il dovere morale e istituzionale di mettere in campo ciò che è possibile per superare questa crisi. Noi abbiamo pensato di farlo anche così, perché l’azienda svolge una funzionale sociale importante, e non è la prima volta che accadono cose come queste. Perché? Per costruire un futuro migliore”. Per ora è stato allestito un solo mezzo (costo relativamente basso: meno di 5mila euro), “ma altri lo saranno a breve”, assicurano dal Cotral.
Il consigliere regionale Panunzi ha fatto il resto, da presidente della commissione trasporti, mentre il sindaco Michelini –  vecchio dominus della Coldiretti – ha unito tutti i trattini del progetto.

Il commissario Arsial Rosati e il sindaco Michelini

Il commissario Arsial Rosati e il sindaco Michelini

Non solo. Giusto per allargare il raggio del messaggio, sono stati stampati degli opuscoli (stesso titolo: Consuma e acquista prodotti della Tuscia) da distribuire alle ultime classi delle scuole primare, perché i pupi sono gli uomini del domani, e poi un genitore non potrà certo negar loro l’acquisto di un barattolo di miele viterbese, o di lenticchie di Onano, o di ricotta. O tanto altro ancora. Ce n’è per tutti i gusti, e quindi, alla fine deella conferenza, si scende tra le bancarelle, si vede, si assaggia e si compra. Un domani la speranza è che i quattro milioni di romani facciano lo stesso. Basta poco: basta guardare bene, in mezzo al traffico, questo pullman che ci si affianca e manda lampi di luce, di qualità e di sapori. Acquolina in bocca, altro che smog.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

4   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Lamentiamo ancora una volta l’assenza di una significativa dichiarazione del coldiretto per diletto Paolo Simoni, ovvero la testa più lucida di Palazzo dei Priori.

  2. Federico Meschini scrive:

    Falla tua una dichiarazione al suo posto, tanto quello che dici dici bene Giorgio!!!!

  3. Giorgio Molino scrive:

    La dichiarazione di un cosiddetto rappresentante del popolo, specie se coldiretto per diretto, è molto più autorevole della nostra,

  4. Federico Meschini scrive:

    Più autorevole di te neppure colui che siede sul soglio pontificio Giorgio mio!!!!

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da