25112017Headline:

“Sempre felice di dare una mano a Viterbo”

Sgarbi sposta il crocifisso dall'altare

Sgarbi sposta il crocifisso dall’altare

Rapido. Frenetico. Vulcanico. A tratti persino spiritoso. Il blitz di Vittorio Sgarbi ha illuminato il pomeriggio viterbese. E ha portato un sacco di buone notizie per il Natale e per la cultura di questo territorio. Si parla di arte ovviamente, nel senso più alto del termine, specie quando di mezzo c’è il divino ferrarese. La mostra che il Comune organizzerà in sala Regia dal 14 dicembre, con due capolavori di Sebastiano Del Piombo – la Flagellazione e la Pietà – si allarga, come un virus buono che contagia tutto il centro storico. Fino ad arrivare nella chiesa del Gonfalone, in via Cardinal La Fontaine, dove c’è già uno splendido Romanelli e dove, dalla collezione privata di Sgarbi, sarà esposta un’opera di Ignaz Stern, conosciuto anche in Italia come Ignazio Stella. Si tratta della Natività, uno dei lavori più celebri del pittore austriaco manierista, e vissuto tra il 17esimo e 18esimo secolo, in qualche modo legato con la Tuscia, visto che un quadro di suo figlio Ludovico è stato rinvenuto recentemente a Ronciglione.

Vittorio Sgarbi in piedi sull'altare del Gonfalone

Vittorio Sgarbi in piedi sull’altare del Gonfalone

Sgarbi gira per la chiesa senza sosta. Parla, spiega, chiede, gesticola e sposta. Sale anche sull’altare, ad un certo punto, ma non per un blasfemo delirio d’onnipotenza (che pure ci starebbe, visto il personaggio), piuttosto per verificare che i candelabri e i lampadari non intruppino la visuale di chi verrà a godersi lo spettacolo. Ripete: “Sublime, sublime”. Poi spiega: “La nativitá, la flagellazione e la pietà – dice Sgarbi, accompagnato dall’assessore alla Cultura Giacomo Barelli -, in un percorso ideale intorno alla vita di Cristo. Ho risposto volentieri alla chiamata del Comune di Viterbo, e qui vengo sempre con piacere, perché è una città meravigliosa, dove tra l’altro ho anche tre o quattro fidanzate… Sabato 14 ci sarò, farò il vescovo che viene a benedire questa bella iniziativa”.

L'arrivo in via Cardinal La Fontaine

L’arrivo in via Cardinal La Fontaine

E il critico d’arte terrà anche una specie di lectio magistralis, una presentazione e spiegazione, con riferimenti tecnici, artistici, storici e di costume, di quelle che lo hanno reso celebre e apprezzato, delle opere.

Dopo un salto al chiostro longobardo di Santa Maria Nuova, Sgarbi saluta e riparte. Resta l’assessore Barelli, che ringrazia l’ospite e aggiunge: “Sgarbi è sempre disponibile quando si tratta di valorizzare le bellezze della nostra terra. Un compito che ci sta a cuore e che cercheremo di curare sempre più in futuro. In particolare, con questa iniziativa, possiamo mettere in mostra i quadri che sono dei gioielli, tenere aperta la chiesa del Gonfalone, che è un altro tesoro dei viterbesi, e riqualificare in generale il centro storico. I due capolavori di Del Piombo, il Romanelli o lo Stern sono già un piatto ricco, ma la nostra intenzione è quella di portare fuori un domani tutti i gioielli artistici viterbesi”. Sovrintendenza permettendo, ma ci sarà tempo per parlarne.

A colloquio con l'assessore Barelli

A colloquio con l’assessore Barelli

Ah, per la cronaca: nella mezz’oretta viterbese Sgarbi non ha pronunciato neanche una volta l’ormai celebre esclamazione: “Capra”. Sarà l’aria buona della provincia, ad avergli messo giudizio?

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Sgarbi non ha gratificato nessuno con l’epiteto capra? Strano, ne aveva una, bella grossa e ottusa, vicino…

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da