21092017Headline:

Arriva l’etichetta sulla carne

Coldiretti  Viterbo Brennero

La mobilitazione della Coldiretti continua. E continua con l’arrivo a Roma dei giovani agricoltori e allevatori. Giacché, dopo la protesta del Brennero e di Montecitorio, alcuni segnali sono arrivati ma per l’associazione degli agricoltori ancora non basta.
Anche dalla Tuscia hanno manifestato sia al Brennero che a Montecitorio per dar man forte all’iniziativa di Coldiretti per tutelare il Made in Italy. Gli imprenditori del viterbese sono stati in oltre 100 in entrambe le occasioni, con a capo della delegazione il presidente provinciale Mauro Pacifici ed il direttore Andrea Renna.
«Dopo la protesta degli allevatori – spiega Pacifici – in Italia per la carne di maiale, di pecora, di capra e di pollo sia fresca, refrigerata o congelata diventa obbligatorio indicare dal primo aprile 2015 il luogo dell’allevamento e della macellazione». «E’ un primo segnale positivo ma la nostra Battaglia di Natale: scegli l’Italia continua – spiega il direttore Renna – per accorciare i tempi e introdurre l’obbligo di indicare il luogo di nascita degli animali “nato in”, dopo che il Comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali dell’Unione Europea si è espresso sull’etichettatura della carne suina, ovicaprina e di pollame in merito all’indicazione obbligatoria “allevato in” e “macellato in” con riferimento allo Stato membro e al Paese terzo dove avvengono queste procedure».
«E’ certamente un primo passo importante – aggiungono dalla Coldiretti viterbese – che però deve essere necessariamente completato con l’indicazione obbligatoria dell’origine per quanto riguarda tutti i prodotti trasformati». Indicazione che la Coldiretti ritiene fondamentale per garantire la trasparenza, indispensabile per mettere il consumatore in condizione di fare scelte consapevoli e gli allevatori di differenziare e valorizzare il proprio prodotto.
Dunque, appuntamento a Roma (anche in questo caso sarà presente una rappresentanza degli imprenditori della Coldiretti di Viterbo), per difendere il vero Made in Italy, mercoledì prossimo a partire dalle ore 9,30 in via XXIV Maggio 43 (Palazzo Rospigliosi, sede della Coldiretti Nazionale).

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

2   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Prevista anche un’etichetta per il coldiretto per diletto, nonché consiglierino comunale, Paolo Simoni: La testa più lucida di Palazzo dei Priori. Made in Veterbe.

  2. Luigi Tozzi scrive:

    Ma raccontatela tutta! Non è a causa delle vostre pagliacciate che è uscito quel regolamento. Inoltre è talmente incomprensibile come si debba apporre l’indicazione d’origine (E MANCA DOVE E’ NATO) della carne di pollo, maiale e pecora che vi sfido a spiegarla alla massaia. Ma tanto che vi importa..voi avete il vostro marchio di fabbrica no?

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da