24112017Headline:

C’era una città con 800 cani (più gatti)

La consigliera Maria Rita De Alexandris

La consigliera Maria Rita De Alexandris

Fido c’ha la febbre. Argo è sottopeso. Fuffi non digerisce. Poldo ha la zampa rotta. E via discorrendo. Son problemi. Problemi seri. Forse per qualcuno meno di altri ma comunque grane. Perché la sola Viterbo conta più di ottocento cani in stato di emergenza (1700 in tutta la provincia). Senza dimenticare i gatti, dei quali è difficilissimo – se non impossibile – poter dare un numero preciso.
E il Comune lo sa bene. Tant’è che un consigliere s’è preso la briga della loro tutela (va rimarcato, l’idea parte dalla cordata del fu sindaco Marini), con tanto di delega protocollata. Il suddetto compito spetta e spetterà a Maria Rita De Alexandris. Una che ha pensato bene di incontrare immediatamente le varie realtà del luogo (canili pubblici e privati), portandole in sala consigliare e appuntandosi caso per caso ogni singola defezione. “Cerchiamo una sinergia – dice la stessa – Dobbiamo arrivare ad un lavoro di gruppo. Facciamo rete. Vi chiedo aiuto. Non voglio solo controllare, ma collaborare. Quello che stipuliamo è un accordo preso per il solo benessere degli animali. Senza invidie e senza distinzioni”.
Presente all’amichevole chiacchierata anche il suo predecessore, nel segno quindi della collaborazione, Francesco Simoncini. “Ringrazio dell’invito – replica – e ti consiglio subito di adottare un cucciolo. Questa è una missione che può capire solo chi divide con un animale gioie e dolori. Abbi cura del regolamento da noi stipulato, e se puoi integralo”.

La sala del consiglio gremita per l'incontro

La sala del consiglio gremita per l’incontro

Spazio ai dolori. In primis la piaga delle sterilizzazioni, sulla quale si cercherà un accordo con la Asl. C’è poi la faccenda legata al randagismo, ci si interroga come intervenire. “Siamo qui per conoscerci – fa capire la De Alexandris – Ogni consiglio è ben accetto”. E ancora maltrattamenti, mancanza di cibo e di fondi (i rifugi convenzionati beccano neanche 3 euro quotidiani ad ospite, cifra mai aumentata dal lontano ’94), possibile mappatura e censimento. “Convenzionatevi col Comune – dicono quelli di Bagnaia – Non potrà offrirvi molto ma è sempre meglio che rimetterci soldi propri”. “Puntate sulla sensibilizzazione – replicano i colleghi di Grotte – Senza dubbio la miglior arma”.
“Non trascuriamo i mici”, ora parla una che si presenta come “gattara”.
E tra una proposta ed un lamento prolungato spunta anche l’idea alternativa. “Apriamo dei supermergatti – stavolta alza la mano l’illuminato – dentro alla grande distribuzione ci mettiamo una cesta nella quale si possono lasciare generi alimentari e non solo”. La cosa piace, purché però si rispetti la par condicio però. Quindi largo anche ai supermercani.  Bau e miao, e così sia.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    E alla fine arrivò il forzista Dudù e alla votivendola delegata sul piede fece tanta pupù.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da