24112017Headline:

“Ho votato contro il mio bilancio”

Sandrino Aquilani

Sandrino Aquilani

Dopo la mortadella in aula e le primarie del Pd sul palco di X Factor si era pensato di averle viste tutte. Ma è proprio quando ci si abitua al peggio (o al trash) che arriva qualcuno e ti stupisce. Se non bastasse poi nel momento più delicato della vita politica di ogni centro. Vetralla: è tempo di bilancio. E il sindaco Sandrino Aquilani pensa bene di votare contro. Di votarsi contro, a dirla tutta. Un gesto folle dato dalle temperature rigide? No, tutt’altro. Una sonora lezione, a parer suo, elargita ai colleghi dei Palazzi alti.

“Si è trattato di un atto dimostrativo – confessa proprio il primo cittadino – In provincia una cinquantina di Comuni hanno firmato un protocollo e agiranno così. Io sono solo uno dei tanti. Il nostro è e sarà un chiaro segno di protesta”.

Di cosa si lamenta quest’armata col tricolore in spalla? “Vogliamo essere presi in considerazione dal Governo – prosegue Aquilani – Ci troviamo ad approvare bilanci che non vorremmo mai firmare. Questi continuano a tagliare e gran parte delle sforbiciate ci toccano da vicino. Non possiamo farci carico dei disagi dei cittadino più degli altri. È facile arrivare a certe decisioni per poi lasciarle ricadere su di noi e di riflesso sulla collettività. La logica del bevi o affoghi non ci sta più bene”.

In sostanza quindi si fa appello agli uomini del potere. E lo si fa nel modo più plateale, andando perfino contro alle proprie idee e ai propri schemi. “Chiaramente avevamo il numero per raggiungere l’approvazione – parla ancora il sindaco – Non siamo mica pazzi. Altrimenti sarei stato il primo in Italia a segarmi da solo. Se però non si volge ad un’azione forte, se in sostanza non ci facciamo sentire adesso, il rischio è che le cose possano addirittura peggiorare. Infieriamo sulla gente senza volerlo, scontentandola e impoverendola ancor più, come se la crisi non ci pensasse abbastanza. È drammatico. Basta”.

L’esercito dei dissidenti si è appena armato quindi. E questa sembra essere solo la prima di una lunga serie di guerre da affrontare. Non resta che attendere gli altri firmatari e vedere come verrà presa l’anomalia in sede di Governo. Nel mentre sono passate comunque inosservate le 18 ore di travaglio a Viterbo. Nonostante la pizza delle venti, il caffè collettivo delle ventidue, le 850 proposte (un tantino provocatorie forse) della combriccola capitanata da Santucci, gli sbadigli di quello e i pisolini di quell’altro.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Il mediocrissimo politicante vetrallese Sandrino (nel diminutivo c’è tutto il presente, il passato e il futuro di questa scialba macchietta di provincia) Aquilani tenta di distogliere l’attenzione dalla sua fallimentare amministrazione con castronerie di tal fatta. Vergogniamoci per lui.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da