25112017Headline:

Mura civiche? La cenere sotto il tappeto

C’è un albero di cachi bellissimo, accanto alla chiesa di Santa Maria delle Fortezze. Nudo di foglie e carico di frutti, le antiche mura di Viterbo sullo sfondo: è l’immagine migliore per questo ultimo scorcio d’autunno. Peccato che da quelle parti, la notte, la chiesa e tutt’intorno si trasformino in un ricovero per disperati. Accendono fuochi, si rannicchiano dentro i sacchi a pelo, e bevono, bevono, bevono, finché l’alcol non li vince.

Via del Pilastro: le mura coperte da edifici posticci

Via del Pilastro: le mura coperte da edifici posticci

Via del Pilastro: un garage ricavato da una grotta

Via del Pilastro: un garage ricavato da una grotta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ una delle realtà nascoste – ma poi neanche troppo – di queste nostre mura antiche. La cinta medievale meglio conservata d’Europa, dicono gli sciovinisti, magari quelli che non hanno presente come sono messi a Lucca, o a Carcassonne, per dire. E giusto oggi c’è anche un convegno sullo stato della cintura. Per rendere un’idea, ecco come stanno le cose ad oggi, anzi a ieri.

Altre brutture in via del Pilastro

Altre brutture in via del Pilastro

Via del Pilastro: vegetazione sulle mura

Via del Pilastro: vegetazione sulle mura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le nostre saranno pure mura completissime e austere e ben tenute, in certi tratti – quelli nei punti classici e visibili, da dove arriva la via Francigena (Porta Fiorentina) e da dove riparte (Porta Romana) – ma nel resto del perimetro affiorano spezzoni dimenticati. E abusati. E violentati. E abbandonati dal tempo, come se non fossimo già nel 2014, ma in un periodo storico in cui le mura erano il rifugio dei reietti, degli espulsi dalla città, degli emarginati e ostracizzati. Degli extra moenia, la maledizione definitiva dell’epoca.

Via delle Fortezze: finestre a gogò

Via delle Fortezze: finestre a gogò

La chiesa delle Fortezze abbandonata

La chiesa delle Fortezze abbandonata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prendiamo Valle Faul. Un altro ingresso principale, oltre a quelli della Cassia. Perché metteva in collegamento col mare, con la Maremma, con le terme, con le zone agricole di Castel d’Asso e oltre. Ci sono dei meravigliosi dipinti d’epoca, che immortalano l’antica porta: il Duomo e palazzo papale sullo sfondo, l’Urcionio che scorre placido, un carretto da contadino che arranca verso la città. Oggi quella fessura, e le mura munitissime tutt’intorno, sono ridotte male. C’è il traffico, d’accordo, con una rotonda intruppata tutto il giorno dalle auto e dai furgoni e dai camion e da tutto.

Via di Porta Fiorita: tante sterpaglie

Via di Porta Fiorita: tante sterpaglie

Via San Paolo: un altro edificio posticcio

Via San Paolo: un altro edificio posticcio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C’è sempre l’Urcionio che scorre placido, ma ora puzza di fogna e di marcio. C’è il fast food che macina panini e patatine, e che ha riportato un po’ di vita commerciale a questo angolo depresso e di passaggio della città. Non basta, non può bastare.

Pneumatici abbandonati a via San Paolo

Pneumatici abbandonati a via San Paolo

Via San Paolo: una grotta come rifugio

Via San Paolo: una grotta come rifugio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Poi ci sono le mura, e la Torre della Bella Galliana, un pezzo grosso del patrimonio viterbese: proprio ai piedi della torre c’è una scritta di cinque metri cinque con lo spray, azzurro intenso, e fresco: “Giorgia più Davide uguale Amore”. Auguri, e figli maschi: a occhio e croce non l’hanno fatta due guelfi innamorati del Milleduecento, ma due adolescenti con cresta e Iphone, appena qualche mese fa.

E c'è pura un'abitazione vera e propria

E c’è pure un’abitazione vera e propria…

...con discarica a pochi metri

…con discarica a pochi metri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Orribile, orrenda. Intorno alla porta di Faul, le stranezze non mancano: meccanici, gommisti, pied à terre di prostitute sudamericane e trans (che spesso s’affacciano durante la notte per adescare clienti, come ad Amsterdam) pizzerie di nuova apertura, la casa di Alfio (appena dentro la porta), sigillata e abbandonata, coin vetri rotti delle finestre.  Graffiti ovunque. Erbaccia e monnezza pure. L’ex gasometro ed ex centro sociale, balena spiaggiata e in putrefazione. Di fronte, lo scintillante incubatore culturale, uno spettacolo ricavato dall’antico mattatoio: modernissimo, cablato, smart – come si dice oggi – ma la classica mosca bianca. Più su, verso il centro, ristoranti alla moda ma anche terribili spacci di anticaglie a buon mercato. E i ruderi di un’antica chiesa, in vendita al miglior offerente, magari le Bestie di Satana, magari uno sceicco che ne farà un bordello.

La chiersa obbrobrio a valle Faul

La chiesa obbrobrio a valle Faul

In alto palazzo Papale, in basso...

In alto palazzo Papale, in basso…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma la scoperta più grande arriva ancora fuori le mura, risalendo verso Pianoscarano. C’è il canneto, il sentiero per le passeggiate, e poi, risalendo e fiancheggiando la cinta, ecco la foresta nera e vera. Il ruscello che cade, la vegetazione che s’infittisce, e la discarica. Materassi. Confezioni famiglia di profilattici. Birre. Copertoni usati. E salendo ancora, svoltando un’ansa delle mura, ecco la sorpresa: una casa. Già, un tizio (o più tizi) che abita non sotto, ma dentro le mura. Ha riadattato, con ogni evidenza, un vecchio magazzino o ricovero per animali scavato alla base della cintura. Ci sono panni stesi, pentole, taniche. Segnali di vita domestica ai piedi dei bastioni medievali, in barba ad ogni vincolo culturale e paesaggistico, oltre che igienico. Suggerimento per le guide turistiche: portate tedeschi e cinesi, americani e arabi, a vedere questo spettacolo. E’ unico, è reale. E se siete fortunati magari potreste anche osservare da lontano un esemplare di homo murarius. Ce l’abbiamo solo noi.

Potevano mancare le scritte?

Potevano mancare le scritte?

Unica nota bella: un albero di cachi

Unica nota bella: un albero di cachi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Adesso via, parlate delle mura, del tesoro unico dei viterbesi. Il dibattito è aperto, apertissimo.

Articoli correlati:

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Non c’è che da aspettare l’intervento salvifico di Philip Red from Trieste o del suo confusionario ex seguace Matteù.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da