17102017Headline:

Natale con Vittorio e Sebastiano

Ricci Delli Iaconi Michelini BarelliLuci e capolavori, non necessariamente in quest’ordine. Di sicuro, per questo Natale viterbese, unico perché modellato su tutti i gusti e tutte le richieste, nostrane e forestiere. Dopo il cartellone della Pro loco e le iniziative dell’assessorato allo Sviluppo economico, ecco il piatto forte. Presentato ieri dal sindaco Michelini e da tre assessori in un colpo solo: l’ispiratore Giacomo Barelli (Cultura), e i colleghi Ricci (Centro storico) e Delli Iaconi (Sviluppo economico).
Il giorno chiave è venerdì prossimo, il 20. Con la mattina dedicata ai capolavori di cui sopra, e la sera alle luci. A mezzogiorno, ecco l’inaguruazione dell’esposizione di due opere di Sebastiano Del Piombo, nella sala Regia di palazzo dei Priori: pale preziosissime (“Valutate 25 miloni di euro, e richieste da ogni parte del mondo”, ha sottolineato Barelli) e di nuovo visibili per i viterbesi dopo il crollo del museo civico. Un plauso, per la indispensabile collaborazione, alla Sovrintendenza. Resteranno qui, a gratuita disposizione dei visitatori, fino al 31 gennaio. Stesso giorno, mezz’ora dopo, duecento metri di passeggiata: alla chiesa del Gonfalone, in via Cardinal La Fontaine, ecco il secondo tempo, con l’esposizone della Natività di Stern, messa a disposizione da Vittorio Sgarbi, che per l’occasione terrà una lectio magistralis da non perdere, visto il personaggio e la relativa eloquenza. Conclusione prevista: il 6 gennaio. “Eventi imperdibili, di assoluta qualità – hanno spiegato il sindaco e l’assessore Barelli – Organizzati in pochissimo tempo, grazie al lavoro intenso degli uffici comunali. Serviranno ad impreziosire il nostro centro storico, in un periodo di shopping e di concorrenza da parte dei centri commerciali di periferia. Noi vogliamo valorizzarlo, il centro, e crediamo che questa sia la direzione giusta”. Anche grazie agli altri eventi collaterali, e alla chiusura parziale del traffico.
Sempre venerdì, ma alle 19, ecco l’accensione del festival delle luci, la prima volta di una manifestazione geniale, che ha già fatto il pieno a Lione (dove l’hanno inventata) e che adesso esordisce in chiave viterbese, dunque più piccola. Piazza del Comune, del Gesù, piazza Fontana Grande, piazza San Carluccio e San Lorenzo, saranno abbacinate da giochi luminosi, disegni, geometrie laser su palazzi e monumenti. Da non perdere, e andrà avanti fino al 6 gennaio. E di certo, tanta roba così a Viterbo per Natale non c’è mai stata: ancora convinti di restare a casa per il Mercante in fiera con gli zii e tutto il parentado?

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Il clou delle feste sarà l’ottuso superassessore Barelli, vestito da Babbo natale, che porta soldi pubblici in dono agli amici di kaffeina.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da