25112017Headline:

Quattro su dieci hanno trovato lavoro

Andrea De Simone

Andrea De Simone

Ottimo il bilancio relativo alla collaborazione tra Confartigianato imprese di Viterbo e Italia Lavoro – Progetto Amva: da oltre due anni, infatti, sono pervenute oltre 100 domande per l’avviso assunzioni, che ha elargito contributi per le aziende che hanno assunto con il contratto di apprendistato.
Malgrado non rientri l’emergenza occupazionale che ha investito il Paese, arrivano segnali positivi dalle sinergie creatisi a livello provinciale: tra queste quella che vede protagoniste attive l’associazione artigiana e Italia Lavoro e che mira ad incrementare il tasso di occupazione nel territorio, creando importanti occasioni d’incontro tra il mondo del lavoro imprenditoriale e i giovani che vi gravitano intorno.

Basti pensare al progetto Botteghe di Mestiere, grazie al quale è nata la bottega di Confartigianato, “Antichi sapori nei mestieri tradizionali della Tuscia”, per rendersi conto della validità di un programma al quale hanno aderito otto aziende, realtà fortemente radicate nel territorio e leader nei loro settori di riferimento, che hanno ospitato 10 stagisti, impegnati ad apprendere saperi artigiani ricchi di tradizioni e largamente richiesti nel mercato del lavoro. Dei dieci ragazzi, al termine del periodo formativo, ben quattro otterranno un contratto all’interno delle imprese che li hanno ospitati. «Questo risultato – interviene Andrea De Simone, direttore di Confartigianato imprese di Viterbo – indica quanto il progetto sia valido e quanto rande sia la ricaduta sociale che ha sul territorio. La collaborazione con Italia Lavoro ci ha permesso di sperimentare la qualità di progetti che, come la nostra bottega di mestiere, puntano fortemente sulla riscoperta e rivalutazione di saperi tanto antichi quanto fondamentale per l’economia italiana come quelli artigiani».

Nel frattempo, per il secondo ciclo formativo che si avvierà a fine gennaio 2014, sono già pervenute oltre 90 candidature di aspiranti tirocinanti che, mossi dalla voglia d’imparare e di mettersi alla prova nel mondo del lavoro, hanno deciso di scommettere sulle proprie capacità. In questa settimana le aziende ospitanti incontreranno i candidati durante i colloqui valutativi, al termine del quale verranno scelti i ragazzi che potranno accedere agli stage.
«Stiamo dando il via ai colloqui per il secondo ciclo del progetto Bottega di Mestiere – continua De Simone – e, a fronte degli ottimi risultati della prima edizione, siamo convinti che per i 9 ragazzi che verranno selezionati si apra un’occasione d’oro per entrare nel mondo del lavoro».

Acquisire competenze e capacità, imparando mestieri attraverso i quali affermarsi nel mondo del lavoro, Botteghe di Mestiere è l’occasione per molti ragazzi di ideare un percorso professionale riuscendo al contempo a toccare con mano le realtà lavorative con le quali avranno modo di collaborare nel futuro. Dieci giovani ragazzi avranno la possibilità di entrare nelle imprese che li aiuteranno a scoprirsi e affermarsi artigiani del domani.

«Questo progetto è uno dei fiori all’occhiello della nostra associazione – conclude il direttore –: in un periodo storico come il nostro, nel quale la congiuntura economico-sociale ha determinato un’impennata drammatica dei livelli di disoccupazione, riuscire a intervenire creando posti di formazione e d’impiego è un traguardo che ci rende orgogliosi».

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Nella bottega della nauseabonda kaffeina lavorano e incassano soli gli “amici degli amici” dalla sera alla mattina.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da