17122017Headline:

Carrozzieri: fronte unito contro il Governo

OLYMPUS DIGITAL CAMERAFronte unito dei carrozzieri della Tuscia viterbese contro alcune delle norme contenute nella riforma Rc auto. Con una mobilitazione, organizzata dalle associazioni degli operatori del settore aderenti alla Cna, Confartigianato, e Casartigianati,  così articolata: da lunedì 13 gennaio fino a sabato 18, dalle ore 9 alle ore 14, presidio davanti al ministero dello Sviluppo Economico per manifestare le ragioni della protesta e chiedere la modifica delle nuove disposizioni; l’acme il 15 gennaio, alle ore 11, con la manifestazione nazionale che si svolgerà a Roma, al Centro congressi Capranichetta a piazza Montecitorio.

Il motivo della protesta? “Il  governo ha introdotto nel settore della Rc auto un norma che induce gli automobilisti, in caso di incidente, a rinunciare al carrozziere di fiducia e a recarsi solo presso le officine convenzionate con le compagnie di assicurazione”, spiega Gianfranco Bugiotti, presidente di Cna, Servizi alla comunità.

“La contestazione sostenuta dalla categoria – gli fa eco Andrea De Simone, direttore di Confartigianato Imprese –  nasce da un timore più che fondato e sul quale abbiamo lanciato non pochi allarmi: la riforma varata dal Governo in buona sostanza rende obbligatorio il risarcimento dei danni ai veicoli incidentati in forma specifica. L’inaccettabilità di quest’obbligo è fisiologica da parte dei carrozzieri indipendenti che rischiano di chiudere a causa di queste sconsiderate disposizioni. Non solo, appare anche evidente come il diritto di scelta del proprietario del veicolo che non è più libero di preferire un’officina ad un’altra per la riparazione dei danni subiti».”

“Il provvedimento del governo – sottolineano alla Cna – lede la libertà di scelta degli automobilisti, altera la concorrenza nel settore e minaccia la sopravvivenza di migliaia di imprese. La Cna sta esercitando da tempo una forte pressione sulla politica e ha già avviato un confronto serrato con i parlamentari perché si introducano nel testo le modifiche proposte. Con la nostra mobilitazione, vogliamo difendere un tessuto di 17mila imprese che occupano 60mila addetti”.  

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Ancora marce su Roma? A Roma c’è il marcio, cari amici carrozzieri, marciare non serve, servono i forconi o, nel vostro caso, i cric.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da