23092017Headline:

Cazzullo: “Tutti a Viterbo per la mostra”

Aldo Cazzullo

Aldo Cazzullo

La mostra di Sebastiano Del Piombo approda anche sulle prestigiose pagine di Sette, il magazine settimanale del Corriere della Sera. Ne scrive – e bene – l’autorevole Aldo Cazzullo, uno dei giornalisti più autorevoli d’Italia, che sulla rivista di via Solferino ha una rubrica (Italia sì, Italia no). Un’altra attestazione di stima per l’evento organizzato per le festività dal Comune di Viterbo, assessorato alla Cultura, che già era stato citato da Vittorio Sgarbi (che l’aveva inaugurato) in televisione, e che era apparso sulle cronache romane dello stesso Corriere e di Repubblica. L’esposizione tra l’altro ha avuto un indiscutibile successo di pubblico dalla data di apertura, e resterà visitabile almeno fino al 30 gennaio, anche se potrebbe arrivare una proroga.
Ecco quello che ha scritto Cazzullo su Sette uscito ieri nelle edicole di tutta Italia.
“A proposito di cultura da valorizzare: a Viterbo c’è un museo poco noto ma importantissimo, che custodisce tra l’altro La Pietà e la Flagellazione, i due capolavori di un artista straordinario come Sebastiano Del Piombo, amato (in ogni senso) da Michelangelo, che – preoccupato dall’ascesa di Raffaello – puntò su di lui al punto di aiutarlo nel concepire le sue opere. Ora il museo è chiuso perché è crollato il tetto. Se non altro, il Comune ha avuto l’idea di esporre i due capolavori nel Palazzo dei Priori, che tra l’altro è bellissimo. Tutti a vedere Sebastiano Del Piombo”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

2   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Se non ricordiamo male è lo stesso Cazzullo a cui Filippo Rossi da Trieste ha presentato in loco un paio o più libri. Trattasi quindi del tipico scambio di markette in salsa kaffeinistavivaviterbicola.

  2. Giorgio Molino scrive:

    Caro Anselmi, lei ha ragione da vendere, ma non ha fatto i conti da una parte con il provincialismo della nostra classe politica e/o giornalistica e dall’altra con la scarsa competenza in materia, per non dire ignoranza assoluta, di chi verga simili lecca-lecca.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da