17122017Headline:

Pesciaroli contro pecorai: riecco il derby

Giannone, a segno nel derby col Rieti

Giannone, a segno nel derby col Rieti

“E’ inutile fare gli ipocriti, e noi non lo siamo di certo. Ammettiamo che quello col Civitavecchia è un derby vero, l’unico che abbiamo sempre considerato tale insieme a quello con la Ternana”. Fabrizio Camilli, trent’anni di curva alle spalle, anche quando le partite erano brutte e i campi spelacchiati, ha presentato così, in settimana sulle colonne de Il Messaggero, la sfida di oggi tra Civitavecchia e Viterbese. Liquidando in un colpo solo le manìe di protagonismo dei parvenu reatini – che ambivano a considerare la Viterbese come un avversario alla pari e invece sono stati ridimensionati, appena prima di Natale, da un gol di Giannone in campo e da una bella lezione di tifo sugli spalti – e i timori che quella di oggi in riva al Tirreno potesse essere una sfida di secondo piano. Non lo sarà, e comunque, non certo per colpa dei tifosi.
Già ci ha pensato la Prefettura di Roma, nel pieno esercizio delle sue funzioni, a negare ai sostenitori gialloblu di essere presenti stamattina al Fattori (il calcio d’inizio è per le ore 11), di tifare per i ragazzi e poi magari di concedersi anche una bella mangiata di pesce. “Vendita dei biglietti riservata ai residenti della provincia di Roma”, ha detto il rappresentante del Governo. Chi è nato, vive e ha a cuore la città dei Papi (anche sportivamente) dovrà restarsene a casa, attaccato alla radio, come si usava una volta. Una decisione inevitabile, visti i precedenti di (dis)ordine pubblico tra le due fazioni, ma forse arrivata un po’ troppo tardi, appena venerdì, quando già a Viterbo erano stati allestiti tre pullman, e in tanti avevano incastrato impegni e obblighi per essere presenti al partitone.
Niente da fare. Oggi il settore ospiti del Fattori – uno stadio che, nonostante il fondo in sintetico, conserva un fascino particolare, in riva al mare, scogliere alle spalle, incastrato tra le case, sferzato dai venti e dalla salsedine – resterà vuoto. L’ultima volta in campionato, siamo al 2009, ci furono i soliti insulti ma niente violenza: il gol di Merli Sala consegnò il pareggio alla Viterbese e spedì in Eccellenza il Civitavecchia. Qui se lo ricordano ancora con discreta goduria. E’ stato l’altro precedente in terra tirrenica – anno 2006 -, semmai, a consigliare le forze dell’ordine per il divieto di trasferta. In quell’occasione ci furono tafferugli che si conclusero con un’auto (civitavecchiese, di una ragazza che non c’entrava nulla col calcio e che era in zona stadio per comprare della pizza) andata a fuoco. I locali replicarono rompendo con un sasso un finestrino del bus della squadra viterbese, che allora faceva la C2. E dire che si trattava appena di un’amichevole estiva.
Nel passato ancora più remoto, poi, c’erano state scazzottate reciproche, sfottò, fischi e lazzi. Quest’anno però il rischio sembrava altissimo: quelli della Vecchia si erano già fatti vedere insieme ai tifosi del Rieti, il 22 dicembre scorso, al Rocchi: un antipasto – nel codice ultras – di quello che sarebbe potuto succedere oggi. E che non succederà, visto che mancherà la controparte viterbese, assente per cause di forza maggiore.
Una volta, nell’antichità del pallone regionale, quella tra Civitavecchia e Viterbo era una rivalità povera, fatta di mestieri diversi, di stili di vita diversi: i pesciaroli e portuali da una parte, i “pecorari”, cioé gli agricoltori, dall’altra. Esistenze dure, soldi da guadagnare con le mani, dal mare e sulla terra. Storie millenarie di popoli così vicini eppure così lontani, divisi per diffidenza naturale, più forte delle similitudini (che sono tante). Oggi quelle radici sono sfumate, è rimasta solo la rivalità calcistica, e un prefetto che cerca di metterci una pezza.
Sul campo, almeno, si confida nel fair play, anche se la posta in palio è alta: la Viterbese a caccia del primato (è a meno due) e il Civitavecchia autore di una grandissima rimonta dopo i cinque punti di penalizzazione.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Mentre a Civitavecchia si giuoca un derby a metà, Filippo Rossi da Trieste anche come tifoso della Viterbese si conferma un bel quaquaraquà.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da