24112017Headline:

Bisogna tutelare la pastorizia viterbese

CO.PA.L

Tra i fiori all’occhiello del settore agricolo viterbese, indubbiamente, c’è la pastorizia, con oltre 1.600 produttori e oltre 3.000 capi. Meno burocrazia e maggiore attenzione al prezzo del latte: sono questi due dei temi principali emersi dal convegno “Pastori e territorio” CO.PA.L. (Consorzio Pastori del Lazio), che si è svolto a Roma, presso la sede di Agricoltura Nuova.

Si è iniziato con una esposizione riassuntiva sulle problematiche dell’allevamento ovino e delle potenzialità di valorizzazione dei derivati del latte ovino, della carne e della lana, argomenti approfonditi da Paolo Delfini. La folta delegazione di pastori viterbesi, con a capo il consigliere provinciale Felice Nicolai e il sottoscritto, ha ribadito la necessità di volere uno strumento più flessibile in merito alla burocrazia ed un riconoscimento maggiore sul prezzo, a partire dal latte, in termini economici in proporzione ai livelli applicati nel resto dell’Europa. Anche le Associazioni di trasformazione sono intervenute al convegno, denunciando il problema sulla vendita del prodotto e sulla penalizzazione degli allevatori, che porta inevitabilmente ad un crollo di tutta la filiera.

Le richieste sono state unanimi per avere più controlli, meno burocrazia, maggior valorizzazione delle IGP e DOP che possano ripagare i sacrifici degli allevatori con un prezzo concorrenziale. Dalla parte degli allevatori anche l’Assessore Sonia Ricci – Settore Agricoltura della Regione Lazio, che è intervenuta a conclusione dei lavori, promettendo un aiuto concreto al controllo della fauna selvatica, alla costruzione di un tavolo per la formazione di una OP a difesa del lavoro degli allevatori. Convegni come questo sono la giusta direzione per modellare al meglio il progetto già nato in Coldiretti con l’Azienda Romana Mercati per poter gestire tutta la filiera con un nuovo marchio dal latte, alla carne e alla lana. Presente al convegno anche Piero Camilli che, in qualità anche di trasformatore, dimostra sempre attenzione e sensibilità al progetto di Coldiretti Viterbo nel settore.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da