19082017Headline:

Caffeina, ora manca solo il Comune

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti

Caffeina è salva, o poco ci manca. I mesi di dubbi, di appelli disperati, di meningi spremute per cercare una soluzione e garantire la sopravvivenza del festival culturale potrebbero diventare presto un ricordo. Lo si può dedurre – e sperare – interpretando il comunicato stampa del presidente della Regione Nicola Zingaretti, inviato ieri pomeriggio, a pochi giorni dalla scadenza del limite ultimo per completare il budget per l’edizione 2014 della manifestazione.
Scrive Zingaretti: “’La Regione Lazio è pronta a sostenere Caffeina. Il Festival rappresenta una straordinaria esperienza culturale, patrimonio della città ma anche di tutta la regione. Per questo motivo ci rendiamo disponibili a contribuire all’evento nelle forme da concordare con gli organizzatori, affinché Caffeina possa continuare a vivere, informando e coinvolgendo i cittadini del Lazio”.
Quindi, soldi freschi in arrivo per le casse della fondazione, che a più riprese aveva chiesto un gesto concreto da parte delle istituzioni. Già, perché Caffeina comunque si mantiene da sé – e si è impegnata a farlo anche per la prossima edizione – coprendo i due terzi del budget attraverso l’impegno dei soci privati e il coinvolgimento degli sponsor. Una posizione emersa all’unanimità nell’assemblea dei soci di venerdì scorso, della quale Viterbopost vi aveva già dato conto in tempo reale. Adesso è arrivato anche il documento approvato dalla fondazione, che conferma la voglia di andare avanti compatti e di realizzare l’ottava edizione.
“Non si può far morire un festival che ha permesso – si legge nel documento dell’assemblea – come ha scritto Enrico Mentana, che tanta gente conoscesse Viterbo. I soci della Fondazione non sono d’accordo sulla chiusura di Caffeina e, in questa assemblea, dichiarano che contribuiranno ancora per far sì che il Festival continui a vivere. Oggi assicurano i soci che ci sarà un impegno diretto nel fare un ulteriore sforzo economico volontario e, per chiarezza, sia i nominativi, sia gli importi destinati saranno resi pubblici sul sito di Caffeina. Questo avverrà alla sola condizione che tutti facciamo la propria parte, comprese le istituzioni”. Istituzioni che adesso hanno risposto presente, almeno per quello che riguarda la Regione.
Prosegue la nota: “I tempi per la programmazione del Festival si stanno drasticamente stringendo. La Fondazione stima di riuscire a realizzare l’evento con circa 300 mila euro (cifra irrisoria rispetto a festival simili che, oltretutto, durano molto meno) e si impegna a trovare due terzi autonomamente, purché il Comune la aiuti direttamente e per suo tramite a trovare il restante. Il tempo a disposizione? Qindici giorni. Evidentemente non esiste nessuna pretesa che le risorse mancanti provengano dal Comune, ma con l’aiuto di tutti: Provincia di Viterbo, Camera di Commercio, Regione Lazio, associazioni di categoria, banche, Fondazioni culturali… Inoltre, sottolineiamo che per lavorare alla programmazione di un evento così complesso come Caffeina esiste anche un’assoluta e improrogabile necessità di convergenze di indirizzo, operative e logistiche con la città e le istituzioni che la rappresentano. Per raggiungere tale obiettivo è necessaria la stipulazione di un protocollo d’intesa tra la Fondazione e il Comune con il quale individuare insieme una metodologia da seguire”. E adesso allora all’appello manca proprio la risposta – concreta, stavolta – da parte di palazzo dei Priori.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Tra la maleolente monnezza e la nauseabonda kaffeina, la regione deciso di seppellire questa provincia tra i miasmi. E noi zitti.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da