27062017Headline:

“C’è chi ha pensato solo ai propri interessi”

Martina Minchella, Melissa Mongiardo e Sarah Ercolani

Martina Minchella, Melissa Mongiardo e Sarah Ercolani

Il Partito democratico, il giorno dopo. Martina Minchella, il giorno dopo. Il giorno dopo il consiglio comunale straordinario sui rifiuti, quello che in fondo di straordinario ha avuto soltanto i quattro ordini del giorno (è passato quello più moscio, oltre a quello del Movimento Cinque Stelle) e un paio di memorabili interventi a sostegno del presidente della Regione Zingaretti declamati da giovani consigliere. Di quale partito, indovina indovinello? Del Pd, risposta esattta.
Consigliera Minchella, sui banchi della maggioranza lei c’era. Che ha impressioni ha avuto?
“E’ stato un consiglio comunale insoddisfacente. Anzi, in bianco e nero”.
Come un film di Truffaut.
“Mi spiego meglio: ho visto un sindaco in difficoltà, che non ha colpe su questa storia dei rifiuti romani, e ne sono convinta. Ma che ha dato l’impressione di voler dire, ma di non poter dire”.
E la maggioranza?
“Divisa. Impegnata più a preoccuparsi di salvare la faccia di ogni singola componente, a ciascuno il suo orticello, che a fare fronte comune e difendere gli interessi del territorio”.
A cominciare dal Partito democratico.
“Non avevamo le idee chiare. Siamo sembrati confusi, ancora alle prese con un correntismo che andava superato da un pezzo, dal giorno dopo il congresso”.
Scusi, ma non si usa più fare riunioni per decidere la linea? Riunioni di partito, e di maggioranza.
“Per il consiglio di giovedì non abbiamo fatto niente. E a dire la verità è successo raramente, dallo scorso giugno. Eppure, s’era detto che al contrario dell’amministrazione Marini, che non aveva programmato e viveva alla giornata, noi avremmo fatto della programmazione un aspetto chiave della nostra attività. Invece veniamo coinvolti raramente, più sulla contingenza, nell’imminenza delle votazioni, che sulla lunga gittata”.
Dura la vita dei peones. E a rapporti con la giunta che sostenete, a che punto sono?
“Dipende. Di molti assessori (fa un paio di nomi, ndr) non sappiamo neanche cosa stiano facendo. Di altri sì, ma perché c’è un rapporto di amicizia, una frequentazione più assidua”.
E così…
“E così si va avanti a colpi di maggioranza. Come l’altro giorno. E ripeto: il sindaco sui rifiuti non ha colpe, ma nessuno che abbia provato a dire, almeno dalla parte nostra, che la responsabilità invece è della Regione, che non considera le esigenze e i diritti della Tuscia. Eppure abbiamo anche quattro consiglieri: due di maggioranza, due all’opposizione”.
A proposito: mai sentiti i consiglieri regionali, almeno quello del Pd?
“Io non ho sentito nessuno. Magari altri colleghi sì, negli ultimi giorni”.
Lei è al debutto in politica, se l’immaginava meglio?
“Diciamo che a me piace decidere, collaborare a delle decisioni. E invece, in giornate come quella di giovedì, abbiamo deciso di non decidere”.
Però l’ordine del giorno l’ha votato.
“Per spirito di servizio. Ma non era certo quello che mi aspettavo dopo un’intera giornata trascorsa a discutere e a confrontarci”.
Martina delusa?
“No. D’accordo: la situazione non è rosea, ma chi fa politica deve impegnarsi per fare, per cambiare le cose, e magari per quel che mi riguarda e per quel che potrò, pure a cambiare un po’ il partito. Anche a Viterbo”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    A volte pensiamo che la nuova, anzi nuovissima politica sia addirittura peggiore della vecchia. La giovane Minchella, dal canto suo, si allinea alle (non) decisioni della sua maggioranza al grido di “non capisco ma mi adeguo” (“spirito di servizio”, tradotto in politichese).

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da