26092017Headline:

La prima finale (persa) non si scorda mai

La squadra saluta i tifosi al termine della finale

La squadra saluta i tifosi al termine della finale

C’hanno alzato la coppa in faccia. Come nessuno voleva, come nessuno avrebbe mai immaginato, alla faccia delle più elementari leggi della fisica, del calcio e della decenza umana. Squadra debole, molto debole, mangia squadra forte, molto forte. E’ la dura realtà di un pomeriggio passato sui Castelli romani, per seicento viterbesi di tutti i tipi, ultras e famiglie, politici e addetti ai lavori, bambini piccoli e certi sconvoltoni che non si rendevano neanche conto di dove stavano, e per fare cosa. Che brutto risultato: Empolitana Giovenzano 3, Viterbese 1. Tutti a casa, mentre quelli alzano la coppa e cantano cori strani e il cielo che non ha neanche coraggio di piovere: un po’ d’acqua ci sarebbe stata di lusso, per espiare i peccati di questa tribù triste che riprende la strada di casa.
Eppure l’inizio era stato promettente. Porchetta e verdure sott’olio, Frascati bianco e vino rosso dolce con ciambelline. Una magnata epica, la testa che gira e tutte le migliori intenzioni che suggerisce una panza piena. Poi ecco lo stadio, intruppato dalla marea umana dei fedeli, e qui arrivano i primi dubbi: il marescialletto che scassa all’entrata (“Lei spinge”, risposta: minchia signor tenente), il tifoso che saluta affettuoso (“A giornali’, cor tesserino puliscite er…”), l’impianto stesso di Frascati che sembra costruito in barba alle più elementari norme dell’edilizia e della pubblica sicurezza. Appoggiato alla montagna, ingresso strozzato, gradoni scivolosi. Brutte sensazioni che spariscono quando arriva l’onda umana da Viterbo: pullman, macchine, carrozze, passaggi rubati pure nei portabagagli. Entrano e salgono in tribuna, a gruppi compatti, il sorriso dell’ottimismo che, è noto, è il profumo della vita.

Il sindaco Michelini sugli spalti

Il sindaco Michelini sugli spalti

Seconda brutta sensazione: al bar non hanno il caffé borghetti. Roba che oltre a seccare l’ugola potrebbe scatenare rivolte violentissime. Poi arriva il Comandante, scortato da Bigiotti e Casini, praticamente mezzo palazzo Gentili in trasferta. Camilli ispira calma anche solo a guardarlo: è serafico, concentrato, e tanto grosso. Se non è teso lui, perché dovrebbe esserlo il tifoso normale? 

Mentre continuano a venire viterbesi manco fossimo a Santa Rosa, ecco la terza e ultima brutta sensazione, quando i brividi diventano consapevolezza che qualcosa andrà male di sicuro. Le formazioni. Solimina ci deve aver pensato su tutta la notte, e magari avrà mangiato anche i peperoni, perché è venuta fuori una squadra ad minchiam. Dentro quelli di cui ti fidi di meno: Boccolo Boccolini in porta; Rausa e Toto, noto duo comico sulle fasce; Giurato che diventerà sicuramente un grande giocatore, ma non oggi; Cerone, elegante come uno smoking bianco con una bella macchia di pomodoro sul davanti. Pochi i punti fermi: Federici e Fapperdue e Vegnaduzzo. In panchina, li mejo: da Pero Nullo a Polani ai pischelli terribili Cima e Kacka. Vabbe’, l’allenatore è lui, speriamo che abbia digerito la peperonata, dice quello che vede sempre il bicchiere mezzo pieno.
E invece. Invece l’Empolitana Giovenzano, sola e poco accompagnata, che schiera nomi strani come Di Vittorio (non il noto sindacalista), Moauro (compra una vocale), i liquidi Suppa e Billi, segna quasi subito. Con Scerrati, l’unico ex gialloblu nel raggio di tremila miglia. Porca zozza cane. La Peroni calda è l’unica cosa bevibile del bar, e dopo l’intervallo inzuppa il pareggio di Vegnaduzzo, nono gol in venti giorni, moglie e due figlie con maglia numero nove che esultano in tribuna. A questo punto arriva il sindaco Michelini: “Visto? Sono arrivato e abbiamo pareggiato”. Coincidenza preoccupante, ma non durerà.

L'esultanza di Vegnaduzzo dopo il momentaneo 1-1

L’esultanza di Vegnaduzzo dopo il momentaneo 1-1

La difesa della Viterbese sembra gli incisivi della nonna: gialli e pieni di buchi. Scerrati ci s’infila come uno stuzzicadente. Due volte, mentre Solimina piazza qualche cambio giusto per guadagnarsi la giornata. Troppo tardi. Quelli dell’Empolitana già festeggiano, e sfottono: “L’allenatore vostro aveva detto che la Viterbese è una Ferrari? Peccato che lui sia Felipe Massa”. Grazie, molto gentili, presenteremo. I viterbesi se ne vanno. Padri che cercano di spiegare ai figli che “non si può sempre vincere”. Figli che piangono e bestemmiamo. Impiegati che rimpiangono il giorno di permesso passato qui, a prendere tre pere, invece di stare al bar davanti al videopoker. L’eco dei cori dei ragazzi che rimbomba per tutti i Castelli. Cori tristi, si può tornare a casa e neanche questo night club “Le Grotte” che sbuca giusto nel parcheggio sembra una degna consolazione, o forse sì. Vale la pena provare. 

Primo comma delle legge di Murphy (quella che dice “se qualcosa può andare male, lo farà”): se la Viterbese gioca la prima finale della sua storia, la perderà. E andiamo a riprendere il grande raccordo anulare, va’, sperando che non ci sia il solito bordello allo svincolo della Nomentana.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

2   Commenti

  1. Massimiliano Mascolo scrive:

    A parte Boccolini (che spesso ha avuto dei fantasmi a ballare davanti a lui), direi ineccepibile.

  2. Giorgio Molino scrive:

    La maledizione del tifoso elettorale Philip Red from Trieste colpisce ancora.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da