21112017Headline:

Maltempo, ora la verifica dei danni agricoli

Andrea Renna

Andrea Renna

Piogge incessanti, allagamenti e frane. Si salvi chi può. La Tuscia è ridotta ai minimi termini. Gli acquazzoni nei giorni scorsi si sono susseguiti senza sosta e i giorni della merla si sono trasformati in quelli del diluvio universale. Colpa di una perturbazione pseudo tropicale alquanto anomala, come poi sottolineato su queste colonne dal climatologo di casa Riccardo Valentini. Colpa di un eccessivo aumento delle temperature in zona mar Mediterraneo. Colpa di una scarsa pianificazione edilizia, basata su dati del passato e non su previsioni del futuro. Colpa infine di un settore, quello agricolo, che si è mangiato troppo terreno. Fatto sta comunque che proprio l’agricoltura è in grave sofferenza (come se poi la crisi economica non avesse fatto già abbastanza).
Così si studia la fase di risalita, al fine di “tentare di non rendere vano il lavoro di tantissime aziende, che in meno di una settimana si sono trovate nelle condizioni che stanno sotto gol occhi di tutti”, sottolinea la Coldiretti. Il presidente Mauro Pacifici e tutto il suo staff hanno appena inviato ai Comuni una lettera. “Cerchiamo una verifica concreta dei danni – si legge nella nota – su tutto il territorio provinciale. La presenteremo poi in Regione, dove si avrà la possibilità di chiedere un risarcimento per lo stato di calamita’”. Che, va ricordato, viene tecnicamente assegnato (da prassi) solo ed esclusivamente quando almeno un terzo dell’area comunale ha subìto danni. Quindi ora la palla passa totalmente nelle mani degli addetti, per le stime del caso.
“Vogliamo accelerare i tempi – sottolinea il direttore Andrea Renna – Da parte della giunta Zingaretti pare ci sia il massimo interesse a mostrare solidarietà. Anche su Viterbo. Ne prendiamo atto, ringraziamo, e invitiamo le varie amministrazioni a inviarci una pronta risposta. Il nostro e’ un vero e proprio appello, nato in un momento così drammatico. Non possiamo dire altro in merito, ne’ abbozzare una presunta stima. Non rientra nei nostri compiti. Siamo però vicini a tutte le imprese, i nostri uffici sono aperti e basta contattarci per avere utili informazioni”.
E nel frattempo il clima continua ad essere lo stesso.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Coccodè! Evviva, la quotidiana coldiretta velina è uscita dal posteriore della pennivendola gallina!

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da