21112017Headline:

Viaggio nel nuovissimo Subway

Subway (1)A Bilbao hanno il Guggenheim. A Berlino ci sta la Cupola del Reichstag. A Dubai La Vela. A Londra la Slough bus station. A Viterbo abbiamo i bagni del Subway. Che (utilizzo a parte) rientrano di diritto nella categoria “monumenti d’arte moderna”. Dato pienamente sottoscritto dall’afflusso e dalla curiosità suscitati ieri l’altro, quando appunto il Subway ha aperto per la prima volta i cancelli al pubblico. Tutti alla toilette. Uomini dentro quello delle donne e signorine infiltrate nel reparto senior. Accalcati, in fila indiana, a mirar sul fronte gentlemen i temi di Manara dietro una parete trasparente (magari serve come fonte d’ispirazione), nello spazio ladies i mosaici color crema e l’area trucco.

subwayD’altronde si sa, i dettagli fanno la differenza. E la nuova (non) discoteca viterbese non ha lasciato nulla al caso. A partire dal parcheggio, quello dell’Okay center. Enorme e centralissimo. Si molla la macchina (se si è sfaticati, sennò con due passi ci si arriva) e ci si infila sottoterra attraverso la scala mobile che nell’86 venne utilizzata da Christian De Sica per scegliere le mutande (quelle famose, che mettono in primo piano il ‘pacco’) della pellicola cult Grandi Magazzini. Manca Heather Parisi (e per fortuna), ma le pareti sono zeppe di manifesti. Cinema. Musica. Mostre. Pare di entrare in una vera bocca europea stile metropolitana. Caotica ma confortante. Disordinata ma pregna di storie. E alla base (cinque metri sotto l’asfalto, per dirla alla Moccia) si apre un mondo. Duemila metri quadri di roba.

È tutto tecnologico. Pure il (primo) bancone del bar. Dietro le signorine addette al dosaggio di cocktail da ombrellino si trova una vera cascata. Non un’infiltrazione del piano di sopra, sia chiaro. Bensì un’opera concettuale. Rilassante. Che volendo mette pure sete. Su un lato divanetti da privée (o privè, o da pomicio). In pelle. Accoglienti. Sull’altro vetrate immense e di dentro una radio. Che funziona. Registra. Fa girare in rete le serate. Parcheggiata vicino ad un’ala neutrale, nella quale si gireranno video, documentari, clip, e altre cose da cinepresa.

subwayChe uno pensa: può bastare. Ma anche no (direbbe Veltroni). Perché un paio di pareti volendo spariscono elettronicamente come le acque del mar Rosso al passaggio di Mosé. Altra pista. Altra postazione dj. Altro scolatoio (stavolta stile country). E ancora un palco, ottimo per i concerti live. Nonché il sogno del tabagista modello, la smoking area. Alla quale si accede senza uscire in camicetta all’aperto (ché d’inverno fa meno venti).

Questo è il Subway. Almeno al debutto. Perché in pentola bolle tanto ancora. In cantiere c’è un’ulteriore entrata. Un ristorante (si parte a maggio). E una quintalata di attività collaterali. La metropolitana della città papale è a disposizione del cittadino. Fruibile a tutti. Basta portare un’idea concreta ai titolari e si avranno a disposizione le chiavi del contenitore culturale. Gratuitamente. Così in una Viterbo senza spazi nel 2014 il problema sarà solo quello di riempirli.

Buon viaggio. E fate il biglietto.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Consigli per l’acquisto (del biglietto)?

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da