28052017Headline:

Al salotto delle sei si parla di Pasolini

“Ucciso dal diciassettenne Pino Pelosi in una rissa di natura sessuale” è la versione ufficiale diffusa dai media subito dopo la morte di Pier Paolo Pasolini, mai in realtà ufficialmente smentita. Una versione intrigante e affascinante ma piena di lacune e di incongruenze, analizzate dalla critica letteraria Carla Benedetti e dallo scrittore Giovanni Giovannetti nel libro “Frocio e basta”, edito da Effigie, che saranno ospiti del Salotto delle 6 on the road di Pasquale Bottone oggi pomeriggio a Soriano nel Cimino.

Nel volumetto dal titolo provocatorio si definisce l’omicidio di Pasolini “uno dei buchi neri della notte repubblicana”. Il 2 novembre del 1975 il corpo del poeta venne martoriato e più volte schiacciato dall’auto: fu un brutale e lento massacro. Per alcuni letterati una “morte sacrificale”, un fatto extraestetico, il pestaggio risoltosi in delitto, divenuto un fatto estetico, che colpì l’immaginario collettivo per la violenza usata e per l’omosessualità chiamata subito in campo.

Con la tesi sostenuta da Benedetti e Giovannetti l’assassinio di Pasolini diventa un omicidio politico, che lascia intravedere sullo sfondo scenari ancora oggi non chiari legati al lato oscuro della politica di quegli anni.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da