27062017Headline:

Andiamo “La”? Sì, ne vale la pena

locale La (1)In un posto solo, e anche abbastanza piccolo, ci stanno tutte le parole che vanno tanto di moda nel sottobosco alternativo. Cooperazione. Presidio. Artista. Manufatto. Biologico. Contenitore. Rete. Cous cous. Rifugio. Concettuale. Slow. Cioè-hai-capito-come. E via dicendo. Ha aperto un nuovo locale in città, dentro porta San Pietro, che accorpa quanto sopra detto. Si chiama La. Che non è “oh, annamo la”. Altrimenti avrebbe suonato meglio tipo “mellì”. Bensì è La, come la nota musicale. “Perché ci siamo resi conto che c’è assai carne al fuoco da queste parti, molta gente capace – dicono i vertici dell’impresa – Ma mancava qualcuno che gli desse il via. Il la, appunto”.

Lo spazio è ancora in fase di rodaggio. Anche perché l’idea nasce e si sviluppa in appena dieci giorni. Il weekend trascorso è stato solo una buona occasione per far conoscere il concetto ad amici e curiosi. Il varo vero si terrà invece in aprile, con data da concordare a bocce (e pennelli, e cavi, e molto altro) fermi.

Trattasi però di un circolo targato Arci. Dove Marcello ha portato il divano della nonna che non usava più. Michela la credenza dimenticata della zia. Giuseppe i bicchieri di pseudo-cristallo datati. Tommaso due cornici. Nicola ha lasciato le sue creazioni. E altri nomi di fantasia coniati ad hoc da Viterbopost hanno contribuito a modo loro. Come Giggi, che s’è presentato con un vassoietto d’alluminio coperto. Tipo alla feste delle medie, quando ognuno metteva una portata e si faceva festa grande per tutto il pomeriggio al ritmo di Please don’t go.

E questo forse è il vero spirito di branco della futura riserva indiana. La diversificazione. Fatta di competenze e di scopo aggregativo. “Ringrazio tutti – parla stavolta il presidente, Antonio Rocca, romano trapiantato in zona – Il tam tam ha funzionato alla grande. Segno che si ha fame. Che si vuole costruire”. Cosa? “Tutto – prosegue – Procederemo a tema. Una serata live, un’altra pittura. Danza. Poesia. Corsi. Qualsiasi iniziativa è buona. Concederemo gratuitamente le stanze agli amici di Slow Food. Che avranno così un presidio settimanale dove poter vendere le loro cose. Come poi faranno i vari artisti che transitando lasceranno le opere col duplice scopo d’arredo promozionale”.

E questo è quanto. Se qualcuno fosse interessato la location è La. Dentro porta San Pietro.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Si attende a questo proposito un ficcante intervento del versatile assessore Bar Elli from Civitavecchia.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da