26092017Headline:

Comune-sindacati: intesa per le fasce deboli

I segretari di Uil, Cgil e Cisl

I segretari di Uil, Cgil e Cisl

Un passo in avanti è stato compiuto nelle relazioni tra le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil e palazzo dei Priori. Facendo infatti seguito al protocollo di intesa sottoscritto nel mese di novembre 2013, nel quale venivano indicati i possibili interventi a favore delle classi sociali più deboli ( individuate attraverso la certificazione Isee ) , il sindaco MIchelini, coadiuvato dagli assessori Ciambella e Delli Iaconi, ha incontrato i sindacati nelle persone dei segretari generali (Perinelli per la Cgil, Pelecca e Mannino per la Cisl, e Turchetti  per la Uil) e i rappresentanti provinciali dei pensionati.

Nel corso dell’incontro sono stati affrontati alcuni temi a cui l’amministrazione comunale si è impegnata a dare immediatamente corso e che possono essere sinteticamente evidenziati con lo stanziamento di un importo pari a 300 mila euro per l’abbattimento della Tarsu per le famiglie con reddito Isee inferiore a 7.500 euro, con l’impegno che qualora la somma fosse sovradimensionata, l’eccedenza sarà utilizzata per ulteriori interventi per le fasce meno abbienti; la fornitura di un kit scolastico per i bambini che frequentano la scuola dell’obbligo con un finanziamento congruo all’occorrenza; considerato poi che dalla lotta all’evasione fiscale è stato appurato un possibile introito di circa 1 milione e 600 mila euro ma che tale somma è ancora da definire compiutamente ( procedure e tempi ) l’amministrazione trasferirà nel capitolo degli interventi sul sociale gli importi che saranno recuperati dall’azione di contrasto all’evasione e che tali interventi saranno determinati in un incontro successivo.

Dopo di ciò il sindaco ha comunicato che il Comune sta elaborando,in collaborazione con un nutrito gruppo di medici specialisti volontari, l’istituzione entro il mese di settembre 2014, di un Centro di assistenza infermieristica a cui potranno accedere tutti coloro che si trovano in disagiate condizioni economiche certificate e coloro che non hanno nessuna assistenza sanitaria. Il progetto prevede che successivamente l’assistenza porterà anche la fornitura di medicinali.

I sindacati hanno espresso un apprezzamento per gli sforzi che sta facendo l’amministrazione con questi primi interventi a favore delle famiglie e di quanti si trovano in difficoltà economiche e hanno espresso l’auspicio che l’atteggiamento positivo del Comune possa essere presto esteso a tutta la realtà territoriale della provincia, considerato che le situazioni di povertà sono estese e diffuse in tutto il territorio.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Bene il patto con i più deboli, male, anzi malissimo il paventato e oneroso (per le tasche dei contribuenti) patto con l’ingorda nonché nauseabonda kaffeina.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da