20112017Headline:

Cotral più moderno, per ora nei biglietti

cotral ricci-ciambellaUn piccolo passo per l’uomo. Un grande passo per l’umanità. Eureka. Benvenuti nel futuro, signori. Habemus automatic ticket machine. O se preferite, per i residenti, la bijetteria elettronica. Uno sgabuzzino di metallo alto un paio di metri e largo quasi altrettanto, dalla grafica accattivante di brutto, atto a distribuire tagliandi di viaggio ai frequentatori del pianeta Cotral. Una sorta di videopoker, ma se ci si infilano le monete esce solo roba da obliterare, al massimo concede il resto. Niente campane e nessun premio di consolazione. Eppure arriva direttamente da Montecarlo, patria della buena suerte e del gioco d’azzardo.

Lo strano accrocco (che tiene parecchi parenti, quello che fa le foto piuttosto che l’altro che sputa cocacole) è stato piazzato a Riello. Troneggia al centro della sala d’aspetto della stazione. Equamente distante dal bagno e dal pariruolo parlante in pelle ed ossa, apparso in sede di presentazione un po’ invidioso (nonché preoccupato del suo avvenire). È il primo utilizzato dalla Spa su pneumatici, seguiranno cloni nelle altre province, ma il capostipite ce l’abbiamo solo noi, per dirla come un ultras.

A cosa serve? “Chiaramente rilascia titoli per salire sui bus – spiega emozionato Paolo Toppi, consigliere di amministrazione della ditta, spedito nella città dei Papi direttamente dalla capitale – Vari tagli, due scontistiche, tratte chilometriche. Accetta sia spicci che carta, a breve anche i bancomat. Sarà attivo pure nel fine settimana, quando il genere umano riposa. Permetterà di risparmiare un sacco di soldi agli avventori dell’ultimo minuto”. E qui risiede la notizia. Perché se si becca un pullman al volo, gli euro da dare all’autista sono sette. Che quasi quasi convengono il taxi e la gondola. Così invece si paga quanto dovuto. Ma non solo. “Il progetto è ampio – prosegue il tipo – Stiamo visitando le scuole. Per far capire agli studenti, che poi sono il nostro bacino forte, che il sistema ‘portoghese’ è sbagliato. Vorremmo sensibilizzarli, anche contro il vandalismo. Spesso si siedono su mezzi sporchi o malconci. Inutile lamentarsi però se sono loro stessi a commettere atti vandalici. E poi c’è il discorso del ‘controllo a vista’. Al conducente affianchiamo un operatore che monitora. In pochi mesi abbiamo recuperato tantissimo sul profilo economico”.

Soddisfatto il Comune. Che promette accordi e sinergia attraverso il portabandiera Alvaro (il corsaro) Ricci. “Ho preso la delega stamani – commenta – ed eccomi qua con soddisfazione”. Povera sora Lella Saraconi, alla predecessora non è toccato manco il taglio del nastro. Portategli almeno un caffè. Appagata anche il vicesindaco, Luisa Ciambella. “Ci rivedremo presto per cooperazioni varie – sottolinea – Ma partiamo subito con l’informazione”.

Bienvenida, biglietteria automatica. In attesa di autobus decenti, cento di queste obliterate.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Sarà gentile come gli impiegati del Cotral codesta biglietteria automatica?

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da