27062017Headline:

Il Salotto a Soriano diventa on the road

Antonio Ingroia

Antonio Ingroia

Dopo 12 anni di attività continuativa e più di 20 edizioni ambientate a Viterbo, Il Salotto delle 6 va on the road, raggiungendo per cinque appuntamenti su “il lato oscuro del Belpaese” la Sala Consiliare “Falcone e Borsellino” del Comune di Soriano nel Cimino, dal 7 marzo al 4 aprile. “Siamo molto contenti di ospitare una rassegna letteraria nazionale nota come Il Salotto delle 6 – dichiara l’assessore alla Cultura del Comune di Soriano Alessandro Troili – e tantopiù quando la discussione si accende sui tanti misteri irrisolti e sulle tante verità mai svelate della vita nazionale. E’ un discorso culturale coraggioso e utile che mi sta particolarmente a cuore e che mi auguro possa vedere Soriano e il Salotto continuare a collaborare in futuro”. “Il saggio d’inchiesta, il giornalismo d’inchiesta” – gli fa eco la storica “anima” della Biblioteca di Soriano, Gabriella Evangelistella – era un mio obiettivo da tempo, è bene che si tenga sempre viva l’attenzione sui “tanti buchi neri” della storia repubblicana e che non venga mai a mancare un documentato approfondimento ed un dibattito anche vivace, ma oggettivo sui tanti casi della nostra storia rimasti nei decenni solo un doloroso ed inquietante enigma”.

Il Salotto delle 6 on the road a Soriano nel Cimino si aprirà venerdì 7 marzo con “La strana morte di Attilio Manca, professione urologo”: al centro dell’incontro le tesi enunciate dal giornalista siciliano Luciano Mirone nel suo recentissimo e appassionato “Suicidio di mafia” (Castelvecchi) che riconduce con una ricostruzione articolata e aggiornatissima la tragica fine del professionista isolano ad una vera esecuzione di mafia voluta da Bernando Provenzano. All’appuntamento parteciperà il fratello della vittima, Gianluca Manca.

Venerdì 14 marzo invece al centro del dibattito 70 anni di delitti e misteri ne “Il libro nero della Capitale”, il lato meno edificante e da “cronaca nera” della “città eterna” raccontato dai due giornalisti saggisti Aldo Musci e Marco Minicangeli nel volume “Roma assassina , Roma criminale” appena pubblicato da Stampa Alternativa. All’evento prenderà parte come atteso ospite l’ex poliziotto ed ora criminologo Nicola Longo, storico esponente delle forze del’ordine che ben conosce tantissime vicende discusse e misteriose sia capitoline che nazionali.

Venerdì 21 marzo sarà invece il turno de “Il delitto Coco, il primo magistrato ucciso dalle Br”; gli anni di piombo ed un feroce assassinio plurimo rivissuti dal figlio del giudice, Massimo , che non perderà occasione con efficace vis polemica di estendere il discorso all'”uso mediatico della memoria” (“Ricordare stanca” il volume pubblicato da Sperling & Kupfer all’origine dell’incontro).

La settimana dopo, il 28 marzo, a tenere banco sarà l’angosciante interrogativo “Chi ha ucciso Pierpaolo Pasolini?” che verrà affrontato dalla critica letteraria Carla Benedetti e dall’editore scrittore Giovanni Giovannetti, autori del discusso e provocatorio “Frocio e basta” (Effigie”).

A concludere la rassegna sarà il 4 aprile l’avvocato e Commissario Straordinario della Provincia di Trapani Antonio Ingroia, che ricostruirà per l’evento i suoi “20 anni di lotta alla mafia” (titolo del saggio scritto a quattro mani con Giancarlo Caselli ed edito da Laterza).

“Il Salotto delle 6 – conclude il direttore artistico della rassegna Pasquale Bottone – è sempre più incamminato su una strada che lo porta a dare spazio prevalentemente al saggio d’impegno civile e al giornalismo investigativo. E’ la linea editoriale che ci appassiona di più e che in questo preciso momento storico ci fornisce maggiori spunti e motivazioni”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    E Philip Red from Trieste, con kaffeina annessa e connessa, quando emigra nella Papuasia?

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da