22092017Headline:

La sora Lella scarica tutto sul funzionario

L'assessore Raffaela Saraconi

L’assessore Raffaela Saraconi

Siamo nelle mani di un funzionario. Speriamo quindi che funzioni. Con santa pazienza e spirito certosino la fitta trama legata ai parcheggi viterbesi si sta finalmente districando. C’è ancora parecchio da capire, ma quantomeno il gioco delle parti dei vari attori protagonisti coinvolti è chiaro. Punto uno: il Belcolle. L’area fuori l’ospedale verrà ridipinta di blu? Ossia, rischiamo veramente di pagare il posto auto quando andremo al pronto soccorso? “È una decisione che non dipende da noi – puntualizza l’assessore ai Lavori pubblici Raffaella Saraconi – ma esclusivamente dalla Ausl. Lo spiazzo è loro”. Quindi se metteranno il parchimetro non si sa. Occorre attendere. Però il Comune null’ha a che fare con la scelta.

Secondo interrogativo. I due piani delle Pietrare apriranno mai? “Per quanto ci riguarda si può partire anche domattina – parla sempre lei – Abbiamo consegnato le carte, ora spetta al Patrimonio. Che dovrà quantificare la tariffa oraria, varare un’eventuale scontistica per i lavoratori abituali, e altri dettagli”. Che tradotto in termini di giorni, mesi, anni, vorrebbe dire? “Sta tutto nelle mani del dottor Fioramanti – ancora la sora Lella – sistemata la delibera c’è il passaggio in giunta. Poi si può inaugurare”. Le responsabilità passano quindi (o vengono scaricate, gergo tecnico) al funzionario appena citato.

Spazio al gossip. L’uccellino pervenuto ieri su queste colonne avrebbe giurato che le due location di cui sopra, più quella del Sacrario, sarebbero strettamente collegate. Dato che la cooperativa Autoservice, che gestiva il parking di piazza dei Caduti, sta messo maluccio, si sta operando sotto traccia per affidargli quello Auls. Col ricavato del quale però non si arriverebbe a colmare il gap economico. Quindi ecco la trovata di integrare gli introiti (o meglio, di sanare i debiti) attraverso la questua di Belcolle. Sarà vero? “Non ci riguarda – chiude la Saraconi – non ne sappiamo nulla. Noi ci siamo interfacciati solo con la Francigena. Anche perché, tornando alla Pietrare, il Comune ha si partecipato alle spese, come poi la Regione, ma non ricaverà nulla dai biglietti strappati. Questi sono gli accordi”.

Tirando le somme quindi ecco che il destino dell’ospedale dipende esclusivamente dall’Azienda unità sanitaria locale (o dalla Regione?). Il battesimo dei posti dietro la ferrovia sta sulla scrivania di Fioramanti. Il Sacrario rimane un mistero.

Perdete ogni speranza, o voi che parcheggiate.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    E il megafunzionario scaricò la colpa sull’impiegato di concetto (ammesso che ancora esistano).

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da