23102017Headline:

Sarà monitorato l’arsenico nei cibi

Giuseppe Micarelli

Giuseppe Micarelli

Parte il progetto della Ausl finalizzato a monitorare nella Tuscia la presenza di arsenico negli alimenti di origine animale e vegetale. I tempi, le procedure e le competenze sono stati discussi nel corso di una conferenza dei servizi che si è svolta presso la Cittadella della salute. Si tratta di un primo step che dovrebbe condurre in tempi brevi all’avvio della fase operativa dell’indagine che ha, al tempo stesso, una valenza di carattere scientifico e preventivo.

All’incontro erano presenti i rappresentanti di tutti i partner del progetto che si prefigge l’obiettivo di fornire un quadro reale sulla presenza dell’arsenico negli alimenti, evitando forme di allarmismo inutile tra i consumatori, e di creare un database da mettere a disposizione delle varie autorità competenti, tra queste l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa).

“Rispettando quelli che sono i diversi livelli della catena alimentare – spiega il direttore del Servizio veterinario ispezione alimenti di origine animale della Ausl di Viterbo, Giuseppe Micarelli – è necessario effettuare diverse tipologie di controlli sugli alimenti prodotti nelle zone della nostra provincia dove la presenza di arsenico nelle acque è più elevata, al fine di garantire la tutela della salute del consumatore. Per questa ragione abbiamo programmato, e presentato ai diversi soggetti che parteciperanno all’indagine, delle azioni di monitoraggio: nei terreni dove vengono coltivati alimenti di origine vegetale per l’uomo e per gli animali; nelle acque utilizzate per abbeverare gli animali e per l’irrigazione dei campi; sulle produzioni di latte, uova e miele e sul pesce pescato nelle zone dove eventuali affluenti sotterranei alimentano i laghi presenti nella provincia. Inoltre, effettueremo dei controlli sulle carni prodotte nel Viterbese e sulle stesse matrici nei territori dove il valore di arsenico è nei limiti di legge”.

“Il progetto, coordinato da Regione Lazio, Direzione salute e integrazione socio sanitaria, area sanità veterinaria – spiega il consigliere regionale Riccardo Valentini, presente all’incontro – prevede la partecipazione di numerose professionalità e di diversi enti, ognuno con un ruolo specifico. La catena dei controlli inizierà con i tecnici del Servizio veterinario igiene degli alimenti di origine animale e del Servizio igiene e nutrizione (Sian) della Ausl di Viterbo, che effettueranno i prelevamenti a campione e la georeferenziazione delle zone individuate nel territorio. In seguito – prosegue Valentini – gli Istituti zooprofilattici sperimentali di Lazio e Toscana si occuperanno dell’espletamento delle analisi di laboratorio sugli alimenti di origine animale e su quelli destinati all’alimentazione animale; mentre il Dipartimento per l’innovazione dei sistemi biologici agroalimentari e forestali dell’Università della Tuscia avrà il compito di analizzare gli alimenti di origine vegetale e i terreni. Infine, al Dipartimento di sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare dell’Istituto superiore di sanità è stato affidato il supporto tecnico scientifico ed eventualmente analitico del progetto”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    A’ Riccardì, ma che c’è da monitorare? Ma che dalle parti delle teste lucide della Pisana non lo sapete che nell’acqua (che continuano a farci pagare senza sconti) c’è l’esiziale arsenico? Noi paghiamo e questi giocano grazie ai soldi nostri…

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da