26042017Headline:

Strisce blu: chi sfora l’orario non va multato

Giammaria Santucci

Giammaria Santucci

E adesso ci si mette anche il governo Renzi a crear grane alla giunta Michelini. O meglio, il ministro alle infrastrutture Maurizio Lupi, il quale ha emanato una circolare in cui afferma che se un automobilista parcheggia sulle strisce blu (quelle a pagamento) e sfora l’orario previsto non deve pagare la multa, ma solo la differenza di tariffa. E allora ecco che Giammaria Santucci, leader di FondAzione, ieri ha preso la palla al balzo in consiglio comunale ponendo subito il quesito: “Ma se il governo Renzi dice che le multe per le infrazioni sulle strisce blu non vanno pagate se non in specifici casi. perché il Comune di Viterbo, anche lui a guida Pd, continua a fare le multe in modo vessatorio per gli automobilisti viterbesi?”.

Già perché? Santucci spiega tutto l’antefatto. “Il ministero delle Infrastrutture, per bocca del sottosegretario Pd Umberto Del Basso De Caro, in Parlamento ha ufficialmente comunicato che se un automobilista lascia la sua macchina in parcheggio a strisce blu a pagamento oltre l’orario pagato, non incorre in una multa per divieto di sosta (pagherà solo se non esibirà alcuno scontrino), ma avrà una sanzione di molto inferiore: dovrà saldare solo per l’orario scoperto e niente più. Tale parere è stato confermato anche dal ministro Lupi: «La questione è semplice: se ho pagato la sosta e poi sto 10 minuti in più, non posso ricevere la multa, ma dovrò pagare la differenza e il tempo in più. Ai Comuni chiediamo di rispettare le regole che il codice della strada prevede. Non serve una norma, perché abbiamo verificato che l’interpretazione della norma è chiara e quindi il caso è chiuso»”.

A Viterbo neanche per idea. E Santucci chiede: “Perché il comune manda i suoi vigili a fare contravvenzioni non dovute che, a questo punto, finiranno per creare solo inutili e costosi contenziosi fra viterbesi e amministrazione? Non sarebbe più giusto sospendere tali sanzioni in attesa di una norma interpretativa? E magari assumere nuovi ausiliari, che potrebbero controllare in tempo reale i cittadini, obbligandoli a pagare subito tutto il dovuto, combattendo i furbi e gli evasori ed evitando lungaggini amministrative? Capisco che le difficoltà finanziarie del Comune siano enormi, ma pensare di coprire i buchi sempre e comunque con i clienti ed i commercianti già enormemente vessati da tasse e chiusure mi pare assurdo. Soprattutto con un centro storico al collasso. Ho chiesto al sindaco che immediatamente l’amministrazione sospenda tali multe, sviluppando invece un sistema di controllo fatto di maggior personale in strada”.

Ma la risposta è stata netta: si continuerà col vecchio sistema. E allora Santucci conclude: “Forse perché è più facile mettere le mani nelle tasche dei viterbesi che tagliare gli sprechi”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Veterbe repubblica autonoma delle banane (raddrizzate).

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da