27052017Headline:

“Un regolamento per le strisce blu”

Il vicesindaco Luisa Ciambella

Il vicesindaco Luisa Ciambella

Parcheggi sulle strisce blu: se ieri Giammaria Santucci ha fatto squillare le sue trombe, oggi il vice sindaco Luisa Ciambella suona a distesa le sue campane, rispondendo per le rime alle osservazioni del leader di FondAzione.

“Il Comune s’è già attivato – dice – perché qui nessuno sta dormendo e nessuno vuole mettere le mani nelle tasche dei cittadini per risanare il bilancio di palazzo dei Priori. Ieri comunque è arrivato un chiarimento da parte del ministero delle Infrastrutture, che invita i Comuni a dotarsi di un regolamento in materia. E questo sarà fatto”.

Come è noto la querelle era nata dopo che dal ministero era partita una circolare secondo la quale chi parcheggia sulle strisce blu e sfora l’orario previsto non sarebbe passibile di sanzione, ma dovrebbe solo pagare la differenza sulla tariffa oraria.

Ma Luisa Ciambella non rinuncia a una stoccatina finale sull’ex enfant prodige della politica viterbese. “Strano che Santucci – conclude – abbia fatto in consiglio comunale un intervento quasi perfetto e poi sulla stampa abbia usato toni completamente diversi. Mi stupiscono la demagogia e la superficialità di un politico che, seppur ancora giovane, sia ormai di lunghissimo corso. Forse gli è rimasta la sindrome della doppia personalità di cui dette dimostrazione in passato (il riferimento alle elezioni provinciali del 2010 è puramente voluto, ndr)”. Amen.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Giorgio Molino scrive:

    Sintetico ed essenziale il comunicato redatto dall’ufficio stampa del comune. Si vede che la paga del giornalista al servizio della cenerentola delle amministrazioni locali è inferiore a quella dei suoi colleghi assoldati dagli onorevolini regionali e dagli onorevoloni nazionali. Proponiamo una colletta per il povero ufficio comunale o, in subordine, una lauta collaborazione presso qualche giornale o sito di regime (ci sono, ci sono…).

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da