24052017Headline:

“Blue tongue: Regione, rispondi”

Mauro Pacifici e Andrea Renna

Mauro Pacifici e Andrea Renna

Il tonno c’ha le pinne blu. La pecora la lingua. Se però nel primo caso la colorazione rende il prodotto sofisticato, nel secondo quando coincide la tinta son dolori. La “Blue tongue” e’ infatti una malattia infettiva contagiosa dei ruminanti. Conosciuta anche con il nome di “Febbre catarrale”. L’appellativo deriva dalla cianosi della mucosa linguale osservata negli animali colpiti in modo più grave. Il virus si trasmette esclusivamente attraverso le punture dei moscerini ematofagi del genere Culicoides. Elevate temperature serali e forti precipitazioni alla fine dell’estate tendono ad aumentare l’attività dei vettori. Una volta inoculato, Btv (così si chiama in gergo tecnico) tende a colonizzare le cellule del sangue, soprattutto i globuli rossi. Fatto che facilita la trasmissione. La viremia è stimata durare circa sessanta giorni. E dopo questa discreta scorpacciata di nozioni alla “Discovery channel” andiamo a vedere per quale motivo quelli di Coldiretti ce l’hanno tanto con la Regione. Col presidente Nic Zingaretti. E con buona parte delle natiche poggiate sulle poltrone della Pisana.
“Dopo varie richieste che non hanno ricevuto risposta da parte dell’assessore regionale alle politiche agricole, Sonia Ricci, salutiamo con soddisfazione la comunicazione inviata dalla sede di Coldiretti alla stessa Ricci e a Zingaretti, tendente ad avere definitivamente risposte per gli allevatori”. L’incipit è del direttore locale dell’ente, Andrea Renna, che poi aggiunge: “Al silenzio assordante di fronte alle richieste degli allevatori ovicaprini non possiamo restare inermi. Si devono individuare soluzioni il più possibile concertate per la soluzione del problema. Per noi questo atteggiamento è incomprensibile e pone l’organizzazione di fronte alla scelta di innalzare l’attenzione, se necessario, con una manifestazione di protesta e di richiesta di risposte da tenersi a Roma”.
“Auspichiamo e siamo certi che il presidente Zingaretti – aggiunge Mauro Pacifici, il presidente – assuma utili iniziative tese a dare le risposte che attendiamo in tempi rapidi, altrimenti saremo costretti a scendere in piazza”. Le rivendicazioni di Coldiretti riguardano l’indennizzo per il mancato reddito oltre a quello previsto per la moria da epizoozia. Gli indennizzi per i danni causati dal vaccino in uso, e l’istituzione di un fondo rotativo per assicurare l’epizoozia. Che, per chi non lo sapesse, e’ un epidemia che vede attaccate dallo stesso virus, la stessa specie animale, nella stessa zona.
Dalla fine dell’anno scorso Coldiretti ha chiesto il blocco delle vaccinazioni e l’inibizione dei servizi veterinari nell’ambito aziendale. Causa, a parer loro, del diffondersi della “Lingua blu”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da