20092017Headline:

Tamìa gold, un olio (viterbese) da oscar

La gamma di olii Tamìa

La gamma di olii Tamìa

Il miglior olio d’oliva del mondo è roba nostra, della Tuscia. Lo ha detto il più prestigioso concorso del mondo, cioè il New York international olive oil competition (Nyiooc), che si svolge ogni anno in aprile nella Grande mela. E che stavolta ha assegnato all’azienda agricola Sergio Delle Monache, di Vetralla, e al suo olio Tamìa gold biologico Dop Tuscia il riconoscimento di miglior olio al mondo nella categoria “organic blend delicate – North hemisphere”. Cioè: migliore blen biologico delicato dell’emisfero nord del pianeta. E scusate se è poco.
Nella sede dell’azienda viterbese l’entusiasmo è alle stelle. Prima c’era stata l’attesa, trascorsa davanti al computer per assistere alla diretta streaming della proclamazione dei vincitori. Già, perché per il concorso più importante del mondo ci vuole una cerimonia all’altezza, e poi si sa, gli americani amano fare le cose in grande. Così, nel teatro del Culinary center, che si trova a Soho, il quartiere alla moda di Manhattan, è andato in scena un gran gala, con tanto di conto alla rovescia. E a Vetralla è scoppiata la festa.
“Siamo al settimo cielo – dice Pietro Re, uno dei soci proprietari dell’azienda e da sempre impegnato nell’attività promozionale dei prodotti – Questo risultato ci dà una visibilità a livello mondiale che non ci saremmo mai aspettati. Ma non solo: la nostra vittoria può servire come apripista per tutte quelle aziende viterbesi che vogliono puntare sulla qualità. Il nostro territorio ha delle risorse straordinarie, se si fanno le cose per bene si può andare davvero lontano”. E il sito internet dell’azienda (www.oliotamia.com) è attrezzatissimo, con una versione anche in inglese e la possibilità di spedire le preziose bottigliette ovunque.
Quello newyorkese è per Tamìa l’ennesimo riconoscimento da mettere in bacheca. Che si aggiunge a quelli già ottenuti nel corso del 2014: dalla menzione d’onore a Le Forme dell’olio di Milano (miglior contenuto, miglio contenitore), al primo posto ad Orii del Lazio nella categoria dop Tuscia fruttato medio, alle medaglie d’oro e d’argento al Biol international prize.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Mario Rossi scrive:

    io l’ho trovato anche sul sito http://www.oevo.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da