29112021Headline:

Viterbo civica, antipolitica costruttiva

La protesta degli abitanti di Santa Barbara con Viterbo civica

La protesta degli abitanti di Santa Barbara con Viterbo civica

“Siamo nati con l’intento di rompere i coglioni (cabbasisi, direbbe il commissario Montalbano) ai politici”. E viva la sincerità. Come si dice, nella vita l’importante è sapere in quale direzione si sta andando. Ma tornando al predetto motto, la seconda parte recita: “In modo costruttivo. Sia chiaro”. Che messa così suona già meglio. Comunque. Questo è l’obiettivo comune dell’associazione Viterbo Civica (e non cinica). Più di centoquaranta soci. Più di milletrecento seguaci su Facebook. Che non è mai un buon metro di giudizio, ma fa fico dirlo.
E dopo aver sturato lavatoi, pulito piazze, lucidato fontane, smascherato finanziamenti dubbi, e molte molte altre rotture di cui sopra, una nuova missione della combriccola ci stava tutta. E dato che l’argomento è caldo (rovente), attuale nonché sempreverde, perché non scassare il sottocinta amministrativo anche sul fronte cultural-turistico? “È il mio ambiente – attacca secco il portabandiera Lucio Matteucci – Ci sto dentro da una vita. Tanto in Brasile, quanto in Africa. Ma anche qui. Landa desolata, che però nelle mie strutture, e in quelle di altri, ha registrato un aumento dei flussi anche di settanta punti percentuali. In un solo anno”.
E la Madonna, direbbe il saggio. Possibile che ci siano voluti 2014 anni per far capire al mondo che Viterbo, anzi la Tuscia, esiste? “Così pare – prosegue – l’interesse sulla zona cresce. A livello internazionale. È giunto il momento di tirarci su le maniche e di cooperare. Progettare. Sfruttare ciò che la natura ci ha dato. Abbiamo la fortuna di partire da zero. Non c’è nulla di buono. Svegliamoci”.
Perfetto. E come? I soliti parafieni direbbero: copiando. “Ok, giusto emulare chi sta avanti – aggiunge – ma più che altro parliamone. Facciamo gruppo. Confrontiamoci. Sarà possibile che il cammino di Santiago dà da vivere a tremila aziende e la Francigena nemmeno a una? Abbiamo quattro laghi. Montagne. Specialità enograstronomiche. Il mondo etrusco… Chiunque passa qua, il più delle volte per sbaglio, rimane sbalordito. Dobbiamo uscire dai preconcetti e dal solito modo di vedere il bicchiere. Mezzo vuoto, logicamente. Chiediamo aiuto infine alla politica, nel senso stretto e largo del termine. Devono starci a sentire. Lavoro non ci sta. Inventiamocelo. Ce lo abbiamo pronto sotto gli occhi”.
E questo grosso modo è quanto. Viterbo Civica rimane a disposizione di “portatori sani di idee”. E per quelli che dietro l’associazione ci vedono fini politici, ecco il telegramma di risposta. “Vivo di altro – chiude Matteucci – non ambisco a una poltrona. Mi stimolano però queste sfide. E per quanti ci associno a Viva Viterbo, sì ne ho fatto parte, ma solo finché si è pensato di trattare gli argomenti che ora tratta Civica. Quando ho sentito parlare di elezioni me ne sono uscito. Punto”.
E alla prossima.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. alessandro scrive:

    Il braccio destro di f. rossi cerca nuove strade, ma non sa dove andare…

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da