03122021Headline:

“Che ne pensa il ministro Franceschini?”

Il giardino all'italiana di villa Lante

Il giardino all’italiana di villa Lante

“Chissà cosa ne pensa il ministro Franceschini di questa ulteriore chiusura”? Arriva l’estate e per Villa Lante si ripresenta lo stesso problema: poche risorse economiche, poco personale a disposizione e uno dei tesori ambientali più belli dell’intero Stivale si ritrova chiuso di domenica pomeriggio. “Villa Lante e Bagnaia sono al centro dell’ennesimo smacco – ha commentato il presidente della Provincia, Marcello Meroi – si fa difficoltà a comprendere la scelta scriteriata di lasciare chiuso uno dei monumenti più importanti della nostra provincia proprio la domenica pomeriggio, giorno in cui c’è maggiore afflusso di turismo creando problemi per i turismi e per gli operatori bagnaioli”.

“Troppo spesso ci si riempie la bocca con termini come turismo culturale – ha aggiunto il presidente – poi si incombe in questi scivoloni. Già la chiusura giornaliera di lunedì, come se in quel giorno i turisti non circolassero per la nostra provincia, è inspiegabile; ora si aggiunge anche quella della domenica pomeriggio. Naturalmente sono comprensibili le richieste dei dipendenti, ma possibile che non si riesca a trovare una soluzione?”.

Questa domanda il presidente Meroi la gira direttamente al ministro Franceschini che in una sua recente visita nella Città dei Papi ha presentato vari progetti per il turismo italiano e ha lodato la bellezza di Villa Lante, ipotizzando un suo utilizzo per incontri culturali di prestigio: “Il giorno della venuta a Viterbo di Franceschini sono stati presentati tanti progetti, sono state fatte tante promesse – ha proseguito Meroi – si è parlato anche del decreto Cultura-Tursimo, considerato una vera rivoluzione dallo stesso Franceschini. Ebbene, signor ministro, il mecenatismo è una ottima cosa, ma qui non servono rivoluzioni, serve solo riuscire a trovare le risorse per tenere aperto un monumento, uno dei giardini all’italiana più belli dell’intero patrimonio culturale della penisola. Se veramente considera Villa Lante un bene dell’intero Paese perché non interviene, trovando una soluzione a un problema che non pare, poi, così impossibile da risolvere?”.

Meroi chiama poi in causa l’amministrazione comunale: “Il sindaco Michelini nell’incontro con Franceschini – ha chiuso il presidente – si era impegnato a far sì che Villa Lante rimanesse aperta il più possibile. Spero vivamente che il suo impegno, manifestato, possa sortire effetti diversi dall’attuale situazione”.

Ciliegina sulla torta: proprio ieri pomeriggio il deputato del Pd Alessandro Mazzoli ha reso noto che è stato approvato alla Camera il decreto-legge recante disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo. Tra le misure principali previste: agevolazione fiscale per chi f inanzia manutenzione e restauri ; tax credit per la digitalizzazione e ristrutturazione delle strutture ricettive; semplificazione per le imprese turistiche; istituzione del manager museale; tax credit per il cinema; 1,5 mln di euro per occupazione giovanile nei luoghi d’arte. E per Bagnaia, niente?

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da