29112021Headline:

Imprese: segno più nel secondo trimestre

Ferindo Palombella

Ferindo Palombella

“Dati altalenanti da prendere con estrema cautela, ma che potrebbero preludere a una nuova fase di crescita per l’economia della Tuscia”. È questo il primo commento del presidente della Camera di Commercio Ferindo Palombella in seguito alla diffusione del Rapporto Movimprese di Unioncamere relativo al periodo compreso tra aprile e giugno.

Sulla base dei dati del Registro Imprese dell’Ente camerale di via Fratelli Rosselli, si registrano 581 nuove iscrizioni, a fronte di 329 cancellazioni da parte di imprese esistenti. Il saldo del secondo trimestre del 2014 è pertanto positivo di 254 unità, mentre in termini percentuali, la crescita dello stock delle imprese registrate, rispetto al trimestre precedente è cresciuto complessivamente dello 0,68% al netto delle cancellazioni d’ufficio. Il dato è più basso di quello registrato nel Lazio, pari all’0,89%, mentre è leggermente più alto della media nazionale che presenta una tasso di crescita delle imprese dello 0,59%. Un’inversione di tendenza sostanziale rispetto ai primi tre mesi dell’anno in cui si era registrato un tasso di crescita negativo di -0,47%.

In questo senso va sottolineato il tasso di crescita delle imprese artigiane che nel secondo trimestre fa un balzo rispetto ai primi mesi dell’anno dell’1,2%, la miglior performance a livello nazionale.

Procedendo nell’analisi settoriale si evidenzia una variazione positiva nel comparto agricolo in cui lo stock di imprese registrate è cresciuto dello 0,4%, settore che conta oltre il 30% del totale delle imprese registrate.

Gli unici comparti con il segno meno sono le attività manifatturiere che subiscono un leggero calo pari al -0,2%, insieme alle attività immobiliari -2,0% e finanziarie ed assicurative -0,4%.

Il settore delle costruzioni, che negli ultimi tempi ha risentito della crisi in maniera consistente, vede crescere il numero delle imprese, +0,5%, mantenendo un peso del 14% circa.

Buona la performance che si registra anche nel turismo nei servizi di alloggio e ristorazione, mettendo a segno un +2%, settore che è cresciuto molto negli ultimi anni nonostante la crisi, in un’ottica di sviluppo della vocazione turistica del territorio.

Note positive anche dalle attività di noleggio e agenzie di viaggio con una crescita del +1,6%, i servizi di informazione e comunicazione +0,4% e le attività professionali e tecniche con +0,8%. Incrementi, questi, dettati probabilmente da un’auto-imprenditorialità che nasce dalla mancanza di altre prospettive lavorative.

Aumenta, anche se debolmente, lo stock di imprese registrate per il commercio +0,2%, settore che rappresenta il 22% del totale della provincia di Viterbo, così come il trasporto e magazzinaggio il cui aumento è stato più importante e pari all’1%.

In crescita il settore per la fornitura di energia elettrica per la nascita nel nostro territorio di imprese che producono energie alternative, anche se è trascurabile il loro peso percentuale sul totale del numero delle imprese.

Per quanto riguarda la forma giuridica, si registra una lieve crescita delle ditte individuali che passano dal 65,4% del 2013 al 65,7% nel primo semestre 2014, e soprattutto delle società di capitali che dal 14,3% passano al 14,9%. In calo le società di persone che si attestano al 16%.

“Sono solo delle luci tra tante ombre – dichiara Palombella – ma che si contrappongono in maniera decisa alla classifica pubblicata la scorsa settimana dal quotidiano Il Sole 24 Ore che tra i dati analizzati ha trascurato proprio l’importante vivacità imprenditoriale che sta contraddistinguendo il nostro territorio, anche dal punto di vista qualitativo”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da