04122021Headline:

La più grave emergenza dal dopoguerra

lavoro cassa integrazioneUna situazione sempre più allarmante. Le istituzioni e i rappresentanti del territorio devono reagire il prima possibile e rispondere concretamente a un’emergenza occupazionale e sociale gravissima, probabilmente la più grave dal secondo dopoguerra in poi. La classifica del Sole 24 Ore pubblicata lunedì scorso è la descrizione fedele di un quadro drammatico in un contesto occupazione a dir poco tragico. Su 105 province prese in esame, per quanto riguarda le previsioni di assunzione da parte delle imprese, quella di Viterbo è al 98° posto con un calo percentuale di 13 punti rispetto allo scorso anno.

Nel Lazio, peggio di noi soltanto la provincia di Rieti (104° posto) che però ha meno risorse rispetto alle nostre. La Tuscia ha infatti ricchezze tali, dal termalismo all’agricoltura fino al patrimonio storico, artistico, archeologico e ambientale, che potrebbe essere una delle terre capaci di rispondere meglio di tutte alla crisi economica. Eppure così non è e i dati lo dimostrano ampiamente, non solo quelli pubblicati dal Sole 24 Ore.

Siamo la provincia del Lazio che tra il 2012 e il 2013 ha registrato il più alto aumento del tasso di disoccupazione, tra le province italiane con la più alta disoccupazione giovanile (48%), tra i territori che più di tutti hanno risentito della crisi occupazionale nel 2013 con livelli di cassa integrazione che tra maggio e giugno di quest’anno hanno registrato un +200% e, infine, la seconda provincia laziale dopo Roma con il più alto tasso di malattie professionali denunciate nel 2012. In sintesi, una terra splendida e ricca ma con meno speranze di tutte.

Una situazione che abbiamo più volte sollevato e denunciato. Una situazione diventata ormai intollerabile e alla quale, in questi ultimi anni, la politica non ha saputo dare risposte. È ora più che mai fondamentale che tutte le istituzioni, le organizzazione di categoria e i sindacati facciano squadra e si uniscano per trovare una via d’uscita condivisa prima che sia troppo tardi. A partire dal completamento in tempi brevi della Trasversale, un’opera decisiva per ridare fiato alla nostra economia agganciandola ai principali flussi turistici e commerciali del Mediterraneo. Altrimenti il futuro che ci aspetta sarà sicuramente tragico. Ed oggi, siamo solo agli inizi.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da