26112021Headline:

Per la Viterbese oggi la prova Arzachena

L'allenatore della Viterbese Attilio Gregori

L’allenatore della Viterbese Attilio Gregori

In Sardegna, allora, è arrivata l’ora di andarci. Il calendario ha riservato alla Viterbese la prima delle cinque trasferte sull’isola alla terza giornata. Giocarci alla prima sarebbe stato un rischio mica da poco: squadra ancora in rodaggio, valori del campionato tutto da scoprire, il viaggio impegnativo e altre incognite. Oggi (ore 15) si va ad Arzachena, contro una formazione che ha centrato finora due pareggi e che non sembra candidata a chissà cosa, nonostante gi strilli sardegnoli su un eventuale quanto improbabile ripescaggio.

I leoni affrontano la traversata con le migliori intenzioni. Il successo di domenica scorsa con l’Obia (questa sì, una delle favorite, e si è visto in campo), benché rocambolesco, ha iniettato dosi massicce di considerazione, e ha fatto riconsiderare il pareggio d’esordio a San Cesareo come un punto tutto sommato guadagnato. Il carattere, la determinazione, le qualità tecniche (quelle indiscutibili già dall’inizio) della rosa di quest’anno sono ufficiali. E chi temeva “un campionato da metà classifica”, è stato servito: se c’è una costante nel calcio – e non solo nel calcio – viterbese, va cercata nei gufi di professione, che neanche il ciclone Camilli è riuscito per ora ad estinguere (ma ci riuscirà, c’è da scommetterci).

Certo, non sono tutte rose e fiori, e veniamo al capitolo perplessità. Le scelte di Gregori, per esempio, tattiche e di uomini. Bisognerebbe capire se il 4-3-3 sia l’unico modulo preso in considerazione dall’allenatore, specie quando ci si rende conto sul campo che stiamo parlando di un 4-5-1. Ma davvero questa Viterbese si deve costringere a giocare così, con una sola punta di ruolo? Bella domanda, sopratutto se parliamo di una partita casalinga, sopratutto se andiamo a guardare i giocatori in panchina. Un nome a caso: Renan Pippi, forse l’acquisto più sensazionale del mercato estivo, un tizio che già solo per nome e per curriculum incute timore a qualsiasi avversario.

Ecco, trovare questo equilibrio, dispiegare tutte le formidabili qualità a disposizione, è la sfida definitiva che tocca a Gregori. Sarà in grado? Chissà. Di certo la famiglia Camilli non si accontenta di partecipare. E con questo girone viene anche spontaneo pensare in grande. Ma prima vediamo come va oggi nel primo viaggio sardo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da