05122021Headline:

Santa Rosa? Un pubblico incivile

tribune_santa_rosa_riccDal signor Giuliano Giusti riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta diretta al sindaco Leonardo Michelini:

“Amate la vostra città e prendetevene cura”….. mi risuonano ancora in mente le parole del nostro Vescovo Lino Fumagalli dette il giorno del corteo storico e della processione del cuore di Santa Rosa, ma devo dire, che come ogni 3 settembre, dopo il meraviglioso spettacolo del trasporto della Macchina, quest’anno ancora più eccezionale e coinvolgente, per l’interessamento di via Marconi, si debba non fare assolutamente nulla per impedire il pauroso degrado in cui viene lasciata la città dai “civilissimi” spettatori.

E’ una cosa veramente indegna vedere i pochissimi contenitori dei rifiuti stracolmi e traboccanti di depositi alla loro base di porcherie di tutti i generi. Di questo naturalmente la principale colpa è del Comune che non predispone contenitori extra, vista la situazione di sovraffollamento. Altrettanta colpevolezza viene imputata anche alla ditta incaricata della raccolta della spazzatura, che potrebbe fare la stessa cosa.

Ma il rimprovero più violento e terribile va fatto alle singole persone maleducatissime che hanno bivaccato sedute a terra su giornali e coperte, mangiando e bevendo per ore in attesa del trasporto, che poi se ne vanno abbandonando tutto. Nella notte che precede la fiera i poveri operatori ecologici devono sopperire a queste grosse maleducazioni raccogliendo tonnellate di materiali, a suon di bestemmie, naturalmente molto adatte per santificare la festa.

Certamente ai santi poco importerà delle nostre piccolezze, ma questo non mi sembra affatto edificante. Forse con qualche multa salatissima si potrebbe evitare il tutto e costringere i più maleducati a riportarsi a casa il materiale che non hanno potuto smaltire. Questo sono anni che personalmente lo faccio e strada facendo, nel ritornare a casa mia, mi viene anche spontaneo di raccogliere, qua e là, qualche bottiglia per impedire che qualcuno ci si faccia del male.

Spero che queste mie parole di cittadino che protesta non siano vane.

Giuliano Giusti

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

1 Commento

  1. Enzo Neri scrive:

    Vede sig. Giuliano Giusti, la maleducazione purtroppo aleggia in molti cittadini italiani. Non intendo assolutamente generalizzare, non tutti sono incivili, per fortuna, ma quei pochi fanno fare delle figuracce indefinite ai cittadini corretti e educati. Nella mia città, Pozzuoli per esempio, in un tratto di strada dove abito, insistono ancora i cassonetti per la raccolta dei rifiuti. Ebbene, la cosa importante che volevo rimarcare, è che nel tratto precedente c’è la raccolta differenziata che è anche istituita su quasi il 90% della città. Puntualmente fin dal primo mattino, parliamo per esempio dalle ore 7.00 in poi, il primo cassonetto è già colmo di rifiuti, ma il versamento continua durante tutto l’arco del giorno, pur sapendo che è vietato in queste ore, e non solo, a poche decine di metri, c’è l’isola ecologica, che è aperta dalle 8.00 fino alle 17,00. Nonostante ci sia la presenza degli ispettori, (volontari autorizzati dal Comune, anche a rilevare le infrazioni e multare gli incivili), e nonostante i continui avvisi fatti ai vigili urbani e all’ufficio ecologia del Comune, ancora non si è risolto il problema della inciviltà. Non che voglia dire “mal comune mezzo gaudio”, volevo solo farle presente che l’inciviltà è un po’ da tutte le parti. Certamente le responsabilità sono sia del Comune che di chi è preposto alla raccolta, ma dove erano i vigili o la polizia, durante la straordinaria manifestazione per la festa di Santa Rosa? Evidentemente hanno girato la faccia da un’altra parte.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da