28102020Headline:

Scuola più vicina al mondo del lavoro

aula_studenti“Esprimiamo il nostro apprezzamento per l’interesse dedicato dal governo all’istruzione, finalmente considerata un tema centrale per il futuro del Paese. E’ dimostrato che gli investimenti sul sistema di istruzione e formazione sono altamente remunerativi, non solo in senso sociale, per i Paesi che li effettuano. E in Italia è arrivata l’ora di cambiare il passo anche su questo fronte”. Lo ha dichiarato Daniele Vaccarino, presidente nazionale della Cna.

La valutazione è condivisa dalla Cna di Viterbo e Civitavecchia, Abbiamo esaminato il documento contenente le linee guida per ridare slancio all’istruzione. Sono previsti una rimodulazione dei programmi scolastici, un rapporto più stretto tra istituti tecnico-professionali e mondo del lavoro e il compimento dell’attesa digitalizzazione della scuola. Il punto più qualificante è il capitolo ‘Fondata sul lavoro’, che introduce l’obbligo dell’alternanza scuola/lavoro negli ultimi tre anni degli istituti tecnici, estendendolo a un anno nei professionali, per un ammontare di almeno 200 ore l’anno. Se l’alternanza sarà realizzata così come previsto, la scuola e il lavoro non saranno più due mondi distinti, ma si completeranno a vicenda. Si tratta di una innovazione significativa, che recepisce le indicazioni espresse per anni dalla nostra associazione: si favorisce la crescita individuale e sociale dello studente e si risponde concretamente alla domanda di nuove competenze.

Interessante l’inserimento della bottega scuola quale strumento per tramandare i mestieri tradizionali e quelli d’arte. E’ una misura che potrebbe consolidare un percorso volto a incentivare la nascita di figure professionali specializzate oggi non più disponibili nel mercato del lavoro ma necessarie, perché lo sviluppo dell’economia italiana non può prescindere dalla rinascita del settore manifatturiero e del made in Italy, storicamente collegati agli istituti tecnici e professionali.

Un’altra novità è l’utilizzo dell’apprendistato sperimentale negli ultimi due anni della scuola superiore. Mi auguro che alla fase di discussione, la cui conclusione è fissata al 15 novembre, segua la rapida stesura dei provvedimenti di legge, insomma che la riforma per la ‘buona scuola’ non resti solo una buona intenzione.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da