08122021Headline:

Zitti tutti: parla la Macchina

statua_santa_RosaIllustrissima et reverendissima, Macchina di Santa Rosa, è pronta?
“Perché, che giorno è oggi?”
Non faccia così, lo sa benissimo.
“Volevo vedere se era attento. Sa, la gente di me si ricorda solo il 3 settembre”.
Non è vero: se le dico Baku cosa le viene in mente?
“Dunque. Dicesi Baku nota tecnica di cucina a vapore del sud del Giappone. Giusto?”
Si sta coprendo di ridicolo.
“Occhio a come parla. Se vuole sapere dell’Azerbaijan non deve che chiedere. Quel 4 dicembre scorso non lo dimenticherò mai. Per la prima volta mi sono sentita davvero amata, apprezzata e consociuta anche fuori dalla cinrconvallazione Almirante. Sa com’era il mio stato d’animo? Mondiale…”
Per forza, col riconoscimento a patrimonio immateriale dell’Unesco siamo tutti capaci a sentirci mondiali.
“Io, e i miei cugini e cugine di Sassari, Palmi e Nola abbiamo vinto il nostro Mondiale, altro che Prandelli e Balotelli. Anche se poi quelli di Nola, be’, non è che si sono comportati bene…”
Il sindaco ha detto che lei, Macchina, come festa fa schifo.
“Rispondo così: specchio riflesso. E poi, questa qui mica è una gara a chi è più bello, anzi proprio facendo rete, alleandoci, abbiamo ottenuto il riconoscimento. Da soli ci avrebbero spazzati via. Vada a chiederlo ai Ceri di Gubbio…”
E’ così ecumenica, lei.
“Sarà che oggi è quel giorno lì, sarà che per l’ultima volta indosserò i panni di Fiore del cielo, sarà che sono vanitosa di natura…”
A proposito: le piace la nuova livrea bianca?
“Incantevole. Come si dice? Un bianco virginale… Sicuramente un colore più acconcio a ciò che rappresento, no? Prima, con quel viola e quell’arancione, sembravo una bottiglia di Veuve Cliquot”.
Che fa, anche lei beve champagne?
“Due dita sole. E solo dopo la posa al Santuario. Sa, per festeggiare la conclusione del Trasporto”.
Anche il presidente della Regione Zingaretti ha detto di avere un debole per lei.
“Be’, Nick è un adulatore nato, come tutti i politici. Ma io della famiglia ho un debole per il fratello, Luca. Montalbano lo vedo sempre, e leggo i libri di Camilleri, anche se l’assassino lo indovino subito. D’altronde, quando leggevo Maigret e Marlowe voi neanche eravate nati”.
Ci crede alla promessa di Zingaretti che vuole portarla all’Expo di Milano?
“Magari. Andrei a trovare la Madunina: siamo mezze parenti, anche se lei, da lassù, è più alta di me. Scherzi a parte: un altro palcoscenico internazionale sarebbe perfetto, per questo sto limando il mio inglese, prendo ripetizioni di tedesco dal presidente del Sodalizio Mecarini, e ho iniziato a studiare il cinese”.
Mecarini e i suoi, tra l’altro, quest’anno si sono inventati il passaggio per via Marconi.
“Me lo lasci dire: i facchini sono ragazzi fantastici. Spesso, quando sono depressa – mi succede soprattutto in inverno – mi trovo a pensare che siano solo loro a volermi bene, a voler farmi crescere. Disinteressatamente”.
Mannò, ci sono anche i politici.
“I politici? Quelli lì li lasci stare: tante promesse, tanta passerella e zero fatti”.
Eppure stasera staranno tutti lì sotto.
“Sì, ma non si preoccupi: come ogni anno si beccheranno un sacco di fischi. Glielo dice una che ne ha viste di tutti i colori”.
Fischi o non fischi: buon viaggio Macchina, lei resta una delle poche cose che fa rima con viterbesità. Una rima baciata.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da