29112021Headline:

La pipì di Caffeina, ma quanto mi costi…

Caffeina-Festival-a-ViterboC’è da sperare che almeno 2760 persone durante Caffeina abbiamo fatto pipì nei cessi comunali. E che le stesse abbiano anche lasciato il classico eurino di mancia al tipo seduto fuori. Solo così sarebbe salva la faccia (quella di dietro). Altrimenti, come poi si dice in questi casi: è più la spesa che l’impresa.

Già. Perché stando ai fatti, anzi alla carta che canta (e non a quell’altra, a strappi) il Comune ha cacciato proprio duemilasettecentosessanta banconote più Iva (quella poi te la ridanno, mezza pena) per tenere aperti i bagni pubblici di piazza Fontana grande e piazza San Lorenzo. Il tutto, come si dettava in apertura, nel mentre che era in piedi il festival letterario più importante dell’estate (nonché l’unico). Chiaramente nelle ore extra. Ovverosia fino alle 2 di notte il sabato. E fino alle zero zero nei restanti giorni della settimana. Praticamente ciò che succede in tutte le città del mondo ogni dì che sorge il sole. Almeno da quando è stata inventata la ruota.

Ma non è questo il punto. Si torna ai soldi. “Forse sono un po’ tantini – fanno sapere i ragazzi sempre attenti di Viterbo civica – abbiamo pubblicato la notizia sul nostro profilo Facebook e ci hanno sommersi di commenti e domande. Duecentosettanta euro al giorno per aprire un lucchetto e dare una lavata ci sembrano una follia…”.

Una follia che si chiama “impegno di spesa numero 3162 dello scorso 6 agosto”. Che non si può controbattere in quanto come recita l’articolo 125, comma 11, del D.Leg. 163/2006 “per servizi o forniture inferiori a quarantamila euro, è consentito l’affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento”. E che viene girata alla ditta “Viterbo ambiente Scarl”, secondo tale preventivo (accettato senza battere ciglio): 190 euro il sabato, 140 la domenica e 120 i feriali. Conti che per logica però vanno divisi a metà, poiché due sono le strutture. E ancora spaccati nel mezzo tra il netto dovuto all’operaio e le cosiddette tasse. Alla fin fine risulterebbe che i tipi che stanno lì fuori beccano una cifra che va dagli scarsi 50 ai miseri 30 euro. Vuoi vedere che lasciare la baracca in mano ad un paio di abusivi ci costava meno e a loro rendeva di più?

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da