20092021Headline:

Taborri ha avvertito i suoi elettori?

merloChissà se ha provveduto, a voce, per iscritto, magari con un sms, un messaggio whatsApp, twitter, Faceboook.

Chissà se ha provveduto a informare debitamente i suoi aficionados che ha dismesso la casacca di “Oltre le mura” che fa capo al sindaco Leonardo Michelini e ha indossato la gualdrappa del Nuovo Centro Destra.

Chissà se ha confessato “la decisione doverosa, maturata a seguito di una lunga riflessione”, anche “se resto al mio posto però, sia chiaro, con l’intento di continuare a dare un contributo positivo alla squadra”.

Chissà se ha ricordato che “Ncd è insieme al Partito Democratico parte fondante dell’esperienza rinnovatrice del governo Renzi”.

Chissà se ha avuto modo di ripetere la fatidica frase: “sarò una sentinella per tutti i cittadini”, con l’obiettivo di dare un “leale contributo a questa amministrazione che non va più a regime, va a due tempi invece che a quattro come dovrebbe, ed io andrò a rappresentare il Ncd in maggioranza, cosa assolutamente non scandalosa come parrebbe a qualcuno”.

Chissà se ha sottolineato di non avere “mai sposato nessun partito e tranquillamente posso convivere con i miei colleghi di maggioranza; poi, quando sarà il momento di fare politica, ognuno lavorerà per le sue ideologie”.

Chissà se ha spiegato che “già da marzo avevo espresso la volontà di entrare a far parte del Ncd” e che ora ha “scelto di staccarmi da una lista civica che è diretta espressione del sindaco, sposando il progetto del Nuovo Centro Destra, partito che rispecchia al meglio i valori che contraddistinguono la mia persona”, anche se tale scelta non implica in ogni caso il mio passaggio all’opposizione.

Chissà se ha rilevato che “chi grida allo scandalo non ha forse ben chiaro il panorama politico nazionale, che vede il Nuovo Centro Destra alleato di Renzi al Governo ma comunque libero di dire la sua in fase decisionale”.

Chissà se manterrà l’impegno “per ottenere tagli lineari sui finanziamenti da elargire ai consiglieri delegati per le loro attività” considerando che “in un momento di crisi come questo il Comune deve agire come in una famiglia, ossia, stringere la cinghia”.

Tutto ciò premesso e specificato, chissà se Goffredo Taborri (nato a Viterbo l’8 novembre 1952, medico chirurgo, nel 1995, eletto consigliere comunale a Viterbo nella lista di Forza Italia ricoprendo la carica di assessore ai Servizi sociali; nel 2004, eletto nella lista Udc ricoprendo il ruolo di capogruppo; nel 2008 eletto nella lista Popolo della libertà; nel 2013 eletto con la lista “Oltre le mura”) ha avuto l’amabilità di informare i suoi 247 elettori (tanti sono coloro che hanno vergato il suo nome sulla scheda nella citata tornata elettorale del 2013) che nelle ultime ore ha effettuato un acconcio Salto della quaglia, traslocando armi e bagagli dal centro trattino sinistra al centro trattino destra?

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da