08122021Headline:

Mobilitazione per i danni da fauna selvatica

REGIONI: LAZIO; PRIMO CONSIGLIO REGIONALE CON POLEMICAI danni prodotti dalla fauna selvatica al settore agricolo costano in media 3 milioni di euro all’anno. Le zone più colpite sono il Reatino (soprattutto il comprensorio di Amatrice), il Viterbese (Riserva Naturale del Lago di Vico), nord di Roma (in particolare i territori di Valle Pietra e del Parco Naturale di Bracciano-Martignano).

Sicché Coldiretti Viterbo ha deciso di riunire una trentina sindaci della Tuscia e con oltre 100 sindaci della regione sarà presente alla Pisana per sollecitare il consiglio regionale ad approvare entro la fine dell’anno la proposta di legge 116/2013, già passata al vaglio delle competenti commissioni consiliari, fondamentale per dare una risposta alle centinaia di imprese agricole che ogni anno vedono seriamente messa a rischio la propria attività dai danni causati dalla fauna selvatica ed in particolare dai cinghiali.

Una riunione molto attesa e della massima importanza nella quale i sindaci delle provincie maggiormente colpite illustreranno lo stato di crisi in cui versano i propri territori e chiederanno strumenti e risorse per arrivare ad una definitiva soluzione al problema rappresentata principalmente dall’approvazione proprio della proposta di legge in discussione, ovvero di un sistema organico di interventi diretti alla tutela, alla gestione e al controllo delle specie di fauna selvatica presenti sul territorio; alla prevenzione e al risarcimento dei danni; alla pianificazione delle attività faunistico venatorie.
Durante la riunione sarà fatto il punto sul rapporto tra conservazione delle risorse faunistiche e l’utilizzazione a fini produttivi del territorio in ragione della frequenza e della gravità dei danni arrecati ad opere, manufatti, colture e allevamenti che ogni anno costano al settore agricolo circa 3 milioni di Euro di perdite.

I danni causati da fauna selvatica, interessando centinaia di imprese agricole, stanno mettendo a rischio non solo l’esistenza di singole aziende che vedono il lavoro di mesi andare distrutto nel corso di una sola notte con gravi ripercussioni soprattutto sull’allevamento di animali, ma anche la sostenibilità di un modello di sviluppo quale è quello attuato dall’agricoltura laziale. In gioco non c’è solo il reddito e quindi la sopravvivenza delle imprese agricole ma la vitalità stessa dei territori all’interno dei quali le stesse operano.

Per questo, Coldiretti Viterbo, in rappresentanza delle imprese agricole e i sindaci in rappresentanza dei territori maggiormente interessati al problema, chiedono che la proposta di legge in discussione al consiglio regionale venga rapidamente approvata lasciando invariati i capisaldi che la caratterizzano.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da