27112022Headline:

Sanità: la questione settentrionale

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti

Esiste una questione settentrionale in sanità fondata sull’oggettività dei numeri che Zingaretti ha illustrato al consiglio regionale e che vedono per la provincia di Viterbo ben 19 posti letto in più. Posso essere lieto che non ci sia segno meno ma fare trionfalismi su questo grande risultato è davvero troppo.

Se dai posti letto ci spostiamo al numero delle ambulanze basta ricordare che a Viterbo e Rieti sono appena 9 a fronte delle 20 che servono il Latina e Frosinone nonostante sia nota la difficoltà ad esempio di raggiungere territori come quello di Rieti.

Ma c’è una questione settentrionale anche se si guarda alla serietà nel definire i vertici delle Asl del territorio. Ci sono Asl con figure autorevoli e altre con commissari, deboli per definizione, che non possono far valere la propria carica e penalizzano il lavoro delle strutture stesse. In campagna elettorale era stato annunciato un dea di secondo di livello a Viterbo, peccato che non ci sono nemmeno le risorse per completare il dea di primo livello, forse non lo vedremo ultimato neanche tra dieci anni. E che dire dell’ospedale di Acquapendente che sembrava cosa fatta ma poi Zingaretti ha deciso di rimettersi alle decisioni del ministero, lavandosene sostanzialmente le mani.

L’unica cosa buona fatta, l’elisoccorso, porta il contributo determinante dell’opposizione. Zingaretti non chiuda gli occhi di fronte alla realtà.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da