03122021Headline:

Nel Pd è scoppiata la crisi del magna magna

avventure disegno“Antò, meno male che c’è la crisi. Pensa si nun c’era!” commentò Barbara, seduta in salotto,  davanti al quotidiano che riportava la notizia secondo cui, tra Natale e Capodanno, ben 12 milioni d’italiani hanno fatto le valigie per andare in vacanza.

 “Sì, ma leggi tutto. Quelli che nun se movono de casa so’ 48 mijoni, e 30 hanno rinunciato a partì perché c’hanno er portafojo voto”.

“Vabbé Antò, li poveracci ce so’ sempre stati e ce saranno sempre. Però, c’è puro tanta gente che la crisi nun l’ha sentita proprio e continua a godessela come se gnente fosse”.

“C’hai raggione Ba’. La crisi nun è pe’ tutti. Te ricordi quanno er Berlusca diceva che li ristoranti ereno pieni? Mica sbajava! Er probblema è che s’è allargata la forbice”.

“La forbice?” chiese Barbara perplessa. “Quale forbice, Antò?”

“Quella che conta er numero de chi pò e de chi nun pò, Ba’. Metti tutti quelli ch’anno perzo er lavoro, che stanno in cassintegrazione, che faticheno pe’ arivà a la fine der mese. Quelli le vacanze se le sognano…”

“Beh, sì, è vero. Hai letto de qua? So’ diminuiti puro li regali de Natale. La gente ha speso de meno. Lo dice la Confesercenti: 171 euro a testa contro li 289 der 2009. ‘Na bella mazzata pe’ li commercianti!”.

Antonio rimase per un attimo pensieroso, poi riprese fiato: “Beh, puro noi amo fatto all’istesso. Un ber regalo ar nipotino e a quell’antri tutte cazzatelle. Così amo risparmiato ‘n ber po’”.

“E certo!” replicò al volo Barbara. “Perché noi li sordi l’amo cacciati de saccoccia nostra. Mica come quelli del Piddì, che hanno fatto li bagordi co’ li sordi nostri!”.

“Quali, Ba’?”

“Quelli che staveno alla Reggione. Nun l’hai letto er giornale? Antò, tu bisogna che te ‘nformi, che stai aggiornato. Tra er 2010 e ‘l 2013 li consijeri reggionali democratici se so’ magnati du’ mijioni e 600 mila euri pe’ fa’ bisboccia, facendo vedè che erano spese pe’ l’attività politico-amministrativa. Ha’ capito che paraculi?”

“Ah sì? E che c’hanno comprato?”

“De tutto, Antò, de tutto. So’ scappati fori pranzi e feste offerti all’amici e a li simpatizzanti che costaveno da 8 a 20 mila euri. Penza, ‘na vorta so’ stati messi a tavola, e puro sur conto, 25 faggiani ammazzati durante ‘na battuta de caccia a Fiumicino. Er direttore der circolo ha raccontato a la Finanza che quarcuno ha inneggiato ar Pd cor calice alzato”.

“Mamma mia!” si lasciò uscire dalla bocca Antonio con l’espressione esterrefatta.

“E mica è finita!” replicò subito Barbara. “La Procura de Rieti, che ha fatto l’indagine, dice che ‘sti consijeri se pagaveno co li sordi pubblici le murte, li bijetti aerei e puro l’addobbi pe’ l’arbero de Natale. C’è stato quarche micragnoso che s’è fatto rimborsà puro ‘na bottijetta d’acqua da 45 centesimi”.

“E poi?” incalzò a quel punto Antonio, sempre più incuriosito dalla vicenda.

“E poi c’ereno l’assunzioni de li famijari. Un consijere de Rieti è accusato d’avè finanziato ‘na sagra der tartufo co’ 5.000 euri, spacciata come convegno. Ce so’ puro fatture pe’ spese inesistenti “steccate” cor consijere ‘nteressato”.

“Mo capisco!” disse a quel punto Antonio, come se gli si fosse accesa la classica lampadina.

“Che, Antò?” domandò Barbara.

“No, è che l’antro giorno ho ‘ncontrato Stefano, quello che fa er giornalista. Ce s’è messi a parlà der più e der meno e m’ha detto che quest’anno pe’ Natale da li politici nun jè arivato gnente. Mentre l’anni passati li cesti se sprecaveno!”.

“E pe’ forza!  Tanto, mica li pagaveno loro. Li facevano pagà ar cittadino. E loro faceveno bella figura”.

“E’ vero, Ba’. Ma mo la crisi è arivata puro pe’ loro”.

“Sì, Antò. Ma pe’ ‘sta crisi, sta’ tranquillo, nessuno se metterà a piagne. Anzi…”

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da