17062019Headline:

“A Viterbo 80 sfratti esecutivi nel 2015”

Parla Marco Proietti (Sicet): "Situazione grave, non drammatica"

Marco Proietti, segretario del Sicet Viterbo

Marco Proietti, segretario del Sicet Viterbo

Situazione grave, ma non drammatica. Sicuramente meno preoccupante rispetto agli altri capoluoghi del Lazio, fatta eccezione evidentemente per Roma. Ma qual è la reale situazione di Viterbo in ambito sfratti? Risponde Marco Proietti, segretario del Sicet, il sindacato inquilini della Cisl che si occupa proprio di tali problematiche. “Secondo gli ultimissimi dati, aggiornati al 15 gennaio ma non ancora definitivi – spiega – sono circa 80 gli sfratti che saranno eseguiti a Viterbo nel corso  2015. Siamo insomma alla fase esecutiva. Un numero non elevatissimo, mi rendo conto, ma si tratta certamente di famiglie che per i motivi più vari vivono in condizioni di disagio e che quindi vanno supportate in ogni modo”.

Il blocco degli sfratti, deciso dal governo e riconfermato proprio l’altra sera dal ministro Lupi in un intervento televisivo, ha già suscitato le rimostranze degli assessori alle politiche abitative di Roma, Milano e Napoli (Francesca Danese, Daniela Benelli e Alessandro Fucito) che hanno chiesto all’esecutivo un’ulteriore proroga, almeno temporanea per evitare che esploda il problema casa per migliaia di famiglie. Secca la replica di Lupi: “Il 92% dei 140mila sfratti richiesti  è per morosità e non per fine locazione. Quest’ultima interessa meno di 3mila famiglie”. Va aggiunto che sono stati rifinanziati con 200 milioni il fondo per gli affitti e con 266 quello sulla morosità incolpevole. A questi vanno aggiunti altri 400 milioni per la ristrutturazione degli alloggi popolari, molti dei quali sono inagibili.

A breve disponibili 50 alloggi popolari a Bagnaia

A breve disponibili 50 alloggi popolari a Bagnaia

“A Viterbo – continua Proietti – non ci sono ancora pervenute richieste in questo senso. In ogni caso è auspicabile che la proroga del blocco riguardi tutti i comuni, non solo quelli cosiddetti ad alta tensione abitativa, ma anche quelli medio-piccoli come il nostro. Il problema esiste ed è facilmente verificabile consultando le graduatorie per ottenere un alloggio popolare, che sono in continua espansione. Nella Tuscia si è arrivati ad un elenco che sfiora gli 800 nuclei familiari”.

Un piccolo sollievo arriverà non appena saranno disponibili le case che il Comune sta facendo ristrutturare a Bagnaia. “Si tratta – chiosa l’esponente del Sicet – di una cinquantina di unità immobiliari che, quando saranno assegnate, permetteranno di alleviare un po’ la situazione”.

Intanto a breve dovrà essere nuovamente convocata l’apposita commissione comunale per il disagio abitativo. “Ci siamo visti l’ultima volta il 12 dicembre scorso – conclude Marco Proietti -. Da quanto mi risulta entro la fine della mese la commissione presenterà delle proposte, ma io spero vivamente che il prossimo incontro con i sindacati avvenga al più presto. I problemi ci sono e sono impellenti e quindi vanno affrontati e risolti al più presto”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da