16122019Headline:

Fioroni: “Il Comune faccia pace coi facchini”

Il deputato: "Dal Mibact 200mila euro alla rete delle Macchine. A Viterbo serve unità"

La Macchina di Santa Rosa

La Macchina di Santa Rosa

Una notizia e un appello, il tutto firmato da Giuseppe Fioroni, deputato viterbese del Partito democratico. Che ieri ha annunciato mediante comunicato stampa un finanziamento di 200mila euro firmato dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e destinato alla Rete italiana delle grandi Macchine a spalla. Quella rete messa su da alcuni anni da varie città che hanno questa tradizione (a metà tra religione a cultura) e che nel dicembre 2013 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento Unesco di “patrimonio immateriale dell’umanità”. Della rete fanno parte la Macchina di Santa Rosa, i Candelieri di Sassari, i Gigli di Nola e la Varia di Palmi.
“Questo finanziamento è particolarmente importante – sostiene Fioroni – perché fornisce la possibilità di promuovere e divulgare la conoscenza di eventi straordinari in un anno importante come quello di Expo”. Dove la Macchina sarà anche protagonista nello spazio espositivo della Regione Lazio, scelta dal presidente Zingaretti come uno dei punti di forza del territorio. E adesso Franceschini, che della Macchina ha sentito molto parlare in occasione delle due visite che ha effettuato a Viterbo negli ultimi mesi, e che ha istituito anche la cabina di regìa della Rete presso il ministero, mette sul piatto 200mila euro che torneranno utili in chiave promozionale in vista dell’Esposizione universale di Milano, che sarà inaugurata tra cento giorni.
Ma Fioroni non si limita ad augurare “buon lavoro” alla Rete delle Macchine. Il suo ragionamento va oltre, e si concentra sugli ultimi episodi di cronaca viterbese, con la drastica interruzione dei rapporti tra il Comune e il Sodalizio dei Facchini in seguito alla discussa (e discutibile) scelta di Palazzo dei priori di non inserire rappresentanti dei portatori – ma neanche della curia – nella commissione che sceglierà la nuova Macchina. Qui Fioroni lancia un messaggio chiaro, che anche per l’influenza di cui gode il deputato presso gli amministratori non può passare inascoltato: “Anche alla luce di questi riconoscimenti nazionali e internazionali rivolgo un appello affinché tutti, nessuno escluso, con grande senso di responsabilità ricostruiscano un clima di unità e sinergie per Santa Rosa e nell’interesse della città – dice – Il mio appello vale per tutti ma in particolare per sindaco e consiglio comunale, che hanno l’onore e l’onere di rappresentare Viterbo. Cerchiamo di non perdere e non sprecare questa occasione”. Una dichiarazione che potrebbe anche segnare l’inizio dell’atteso disgelo tra le due parti in causa. E c’è da augurarselo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da